ZIMBABWE. Il Coccodrillo blocca internet e minaccia nuove repressioni 

36

Il governo dello Zimbabwe ha ordinato il blocco di Internet durante le proteste la scorsa settimana, un tribunale ha sanzionato come illegale la decisione. Nella sua sentenza provvisoria, il giudice dell’Alta Corte Owen Tagu ha detto agli operatori di telefonia mobile di riprendere immediatamente e incondizionatamente i servizi completi. Il più grande servizio internet del paese, Econet Wireless, lo ha annunciato in un messaggio agli abbonati il 21 gennaio.

Il blackout, riporta Reuters, è partito il 15 gennaio dopo l’inizio delle proteste contro l’aumento dei prezzi del carburante. Con l’aumento delle prove che il paese sta scivolando di nuovo verso un regime autoritario, l’opposizione al governo del presidente Emmerson Mnangagwa lo ha accusato di aver fatto chiudere internet per evitare che la repressione fosse trasmessa in tutto il mondo.

Mnangagwa, detto il Coccodrillo, doveva tornare in Zimbabwe nella serata del 21 gennaio dopo aver interrotto un viaggio all’estero. Sempre il 21 gennaio, la polizia ha arrestato Japhet Moyo, segretario generale del Congresso dei sindacati dello Zimbabwe, che la settimana scorsa aveva indetto uno sciopero in concomitanza con la protesta sul carburante. Moyo è stata accusata di sovversione, ha detto il suo avvocato.

La polizia dice che tre persone sono morte durante i disordini, ma gli avvocati e i gruppi per i diritti umani suggeriscono che almeno una dozzina di persone sono state uccise, mentre sono state elevate le cifre dei ricoverati per ferite da arma da fuoco e centinaia sono stati gli arresti per motivi di ordine pubblico. Tra questi, sei deputati dell’opposizione.

Un portavoce di Mnangagwa, ha detto che la repressione era un assaggio di come le autorità avrebbero reagito ai disordini futuri. Con un’inflazione elevata e una penuria di denaro contante in circolazione che erode il potere d’acquisto dei cittadini dello Zimbabwe, anche il fragile stato dell’economia dello Zimbabwe era al centro dell’attenzione politica.

Maddalena Ingrao