ZAMBIA. Arrestato il leader dell’opposizione

27

Il leader dell’opposizione dello Zambia Hakainde Hichilema è stato arrestato e interrogato dalla polizia per tradimento. Secondo quanto riporta Defence Web, Hichilema, economista e ricco uomo d’affari noto come “HH”, è stato sconfitto dal presidente Edgar Lungu nelle elezioni dello scorso agosto, che aveva definito come fraudolente. I suoi tentativi di impugnarle non hanno finora avuto successo.

Lo scorso 11 aprile, Hichilema è stata fermato per essere interrogato dopo che la sua casa è stata perquisita dalla polizia.

«Lo hanno arrestato per tradimento perché lungo la strada di Limulunga stava ostruendo il corteo presidenziale», ha detto il suo avvocato Jack Mwiimbu. La polizia non ha detto perché aveva arrestato Hichilema, pur confermando l’arresto.

Il portavoce del Partito unito per lo sviluppo nazionale di Hichilema, Charles Kakoma, ha detto la polizia ha sfondato le porte prima di penetrare in casa del leader dell’opposizione in una zona residenziale di Lusaka.

Ha detto che la polizia ha bloccato la strada di accesso alla residenza, ma non ha detto quello che stavano cercando.

«Hanno rotto le porte e saturato la casa di lacrimogeni», ha detto Kakoma. «Hanno lasciato la casa solo dopo averlo preso». Hichilema non sarebbe in buone condizioni di salute «a causa del gas lacrimogeni. La moglie è svenuta varie volte a causa dei gas lacrimogeni», ha detto l’avvocato.

I suoi avvocati e la famiglia temono per la sua vita, riporta il sito Open Zambia.

Il portavoce presidenziale Amos Chanda ha detto che Hichilema ha ostacolato il corteo di Lungu, dicendo che Hichilema non ha dato la precedenza  al corteo presidenziale.

A Hichilema era già stata concessa una cauzione nel mese di ottobre dopo essere stato accusato di sedizione, una mossa che il suo staff ha definito una intimidazione da parte del partito di governo per mettere a tacere il dissenso.

Il leader dell’opposizione era stato accusato dalla polizia di una riunione politica senza permesso dopo un discorso improvvisato nella città di Mpongwe.

Maddalena Ingroia