Lo yuan moneta di riserva?

47

CINA – Pechino. 22/04/15. Secondo il Russia Today. La Banca Popolare di Cina potrebbe aver triplicato le sue riserve in oro dall’aprile 2009 ultimo anno in cui la banca ha comunicato i suoi dati a Bloomberg.

Si tratterebbe 3.510 tonnellate, secondo a Stati Uniti 8,133.5 tonnellate d’oro. Si tratterebbe del triplo rispetto alle 1.054 tonnellate d’oro riportate nel 2009. Il calcolo della quantità d’oro posseduta da Pechino è stata fatta sulla base di dati commerciali, la produzione nazionale, e le cifre dell’Oro dichiarato dalla Cina. Il calcolo è stato effettuato dalla Associazione di Intelligence di Bloomberg.

C’era già stato un precedente tra il 2008 e il 2009, quando la Cina ha raddoppiato i lingotti in magazzino. Compreso l’oro, la Cina si stima che abbia 3.800 miliardi dollari in riserve valutarie. L’aumento di massa potrebbe essere una mossa per rendere lo yuan più competitivo rispetto al dollaro USA. Il governatore della Banca popolare di Cina, Zhou Xiaochuan avrebbe dichiarato che le riserve di oro sarebbero una valuta di riserva nel FMI. La Cina ha intrapreso molte riforme economiche per consentire alla sua moneta di essere flottante nel giro di pochi anni.

Secondo Bloomberg in realtà la Cina sta alzando la posta per far sì che il Fondo monetario internazionale aggiungere lo yuan come valuta di riserva. I diritti speciali di prelievo (DSP) sono una moneta artificiale creata dal FMI nel 1969 che l’ente impiega per dare fondi supplementari. DSP finora includono il dollaro, euro, yen e sterlina inglese. Il FMI deciderà sulla questione sia nella riunione di maggio o in ottobre. Fonte Nomura Holdings Inc. Nel 2010, lo stesso anno la Cina è diventata la seconda economia più grande del mondo, il Fondo monetario internazionale ha detto che lo yuan non può essere aggiunto al paniere DSP perché era troppo strettamente controllata dallo Stato, e non e ‘liberamente utilizzabile’.