YEMEN. Vacilla la coalizione saudita-emiratina

53

Aden ritorna alla normalità un giorno dopo che le forze del Southern Transitional Council (STC) sono riuscite a catturare tutte le basi militari delle forze governative yemenite sostenute dall’Arabia Saudita. Negozi, aziende, uffici, uffici, istituzioni educative hanno hanno riaperto le loro porte. Le famose spiagge di Aden hanno ricevuto centinaia di famiglie provenienti dai quartieri della città o altri visitatori che provenivano da diverse citazioni principali del sud limitrofo allo scopo di celebrare il festival dell’Eid.

La città portuale meridionale di Aden è stata testimone di una feroce lotta di strada tra le unità militari appartenenti al Southern Transitional Council (STC) e le forze governative yemenite sostenute dall’Arabia Saudita, giorni prima dei festeggiamenti di Eid al-Adha. Le intense battaglie di strada che si sono protratte per circa quattro giorni consecutivi, hanno creato il panico tra i residenti e hanno influenzato in gran parte la vita normale nei quartieri densamente popolati di Aden. Il bilancio è stato pesante: si contano almeno 40 morti e 260 feriti.

Ahmed Fadhel, un cittadino con sede nel quartiere di Aden di Mansourah, ha detto a Xinhua che tutte le famiglie hanno iniziato a festeggiare Eid al-Adha senza interruzioni o timori. «Tutto sta andando bene ad Aden e molte famiglie hanno iniziato a godersi la festa dell’Eid dopo la completa scomparsa degli atti militari», ha detto Ahmed.

Domenica scorsa, ha riaperto anche l’aeroporto internazionale di Aden chiuso nei giorni degli scontri. I funzionari dell’aeroporto hanno rassicurato tutti i cittadini e i passeggeri yemeniti, asserendo che l’aeroporto riprendeva la sua normale attività. «Tutti i voli da e per Aden saranno ripresi normalmente senza problemi», hanno dichiarato dall’Aeroporto di Aden.

Pesanti forze della STC sostenute da veicoli corazzati si sono ritirate dalle strade della città e sono state dispiegate proprio intorno alla Banca Centrale dello Yemen (CBY) e ad altre istituzioni governative. Sabato scorso, le forze del CTS hanno sequestrato tutte le basi militari del governo, compreso il palazzo presidenziale, costringendo i ministri e i leader militari a fuggire nella capitale dell’Arabia Saudita, Riyadh.

Il governo yemenita sostenuto dall’Arabia Saudita ritiene il CTS e gli Emirati Arabi Uniti, un partner chiave della coalizione guidata dall’Arabia Saudita, pienamente responsabili delle conseguenze del colpo di stato contro le autorità di Aden. La città portuale meridionale di Aden è quasi interamente sotto il controllo delle forze del CTS, alleate anche alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita nella lotta contro gli Houthi (sulla parola Houthi. I combattimenti di Aden sono iniziati quando gli alti dirigenti del CTS hanno accusato il governo yemenita sostenuto dall’Arabia Saudita di «sostenere gli islamisti e diffondere informazioni agli Houthi sostenuti dall’Iran» che la settimana scorsa hanno preso di mira una base militare ad Aden, uccidendo decine di soldati e comandanti.

Considerata la capitale temporanea dello Yemen, Aden è la sede del governo yemenita sostenuto dall’Arabia Saudita dal 2015.

Graziella Giangiulio