YEMEN. L’ONU fa ritirare i combattenti di Hodeidah

124

Le parti in guerra dello Yemen hanno accettato di iniziare a ritirare le forze dal porto principale di Hodeidah sotto un accordo sponsorizzato dalle Nazioni Unite, dopo settimane di scontri diplomatici per salvare un precedente accordo che ha bloccato la situazione del controllo della città del Mar Rosso.

Il movimento Houthi e il governo saudita avevano concordato a dicembre 2018 di ritirare entro il 7 gennaio le truppe da Hodeidah con una tregua per evitare un assalto su larga scala al porto e spianare la strada ai negoziati per porre fine alla guerra dei quattro anni.

«Le parti hanno raggiunto un accordo sulla prima fase del reciproco dispiegamento delle forze», ha detto il portavoce Onu senza fornire dettagli, riporta DefenceWeb.

Durante la Fase 1, gli Houthis si sarebbero ritirati dai porti di Hodeidah, Saleef, usato per i cereali, e Ras Isa, usato per il petrolio. A ciò si sarebbe risposto con un ritiro delle forze della coalizione guidata dall’Arabia Saudita dalla periferia orientale di Hodeidah, dove le battaglie infuriavano prima del cessate il fuoco del 18 dicembre.

Mohammed Ali al-Houthi, il capo del Comitato Rivoluzionario Supremo degli Houthi, ha detto che le sue forze si sarebbero ritirate di 5 km dai porti, mentre le forze governative si sarebbero ritirate di un km dalla zona di Kilo 7, nella città di Hodeidah.

Gli Houthi controllano Hodeidah, il principale punto di ingresso per la maggior parte delle importazioni commerciali e di aiuti dello Yemen, mentre altre forze yemenite sostenute dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita, fedele al presidente spodestato Abd-Rabbu Mansour Hadi, sono ammassate alla periferia.

Nella dichiarazione delle Nazioni Unite si afferma che entrambe le parti hanno concordato “in linea di principio” sulla seconda fase, il che comporta il pieno dispiegamento delle forze di entrambe le parti nella provincia di Hodeidah. Entrambe le parti devono ancora accordarsi su un calendario del ritiro o su un meccanismo che permetta alle forze locali di assumere il controllo della sicurezza nei porti e nella città.

Le due parti potrebbero decidere entro sette – dieci giorni su dove riposizionare le forze, ha detto un’altra fonte, aggiungendo che i combattenti Houthi potrebbero ritirarsi fino a 20 km dal porto nella seconda fase.

Il disaccordo sul ritiro ha ritardato l’apertura dei corridoi umanitari necessari per raggiungere 10 milioni di persone sull’orlo della fame nello Yemen, il paese più povero della penisola arabica. Nella prima fase, le parti hanno deciso di riaprire le strade principali che collegano Hodeidah a Sanaa e alla terza città dello Yemen Taiz, riporta Reuters.

La ritirata delle forze governative permetterà l’accesso ai mulini del Mar Rosso, che detiene circa 50mila tonnellate di grano del Programma Alimentare Mondiale, abbastanza per sfamare 3,7 milioni di persone per un mese. Da settembre l’accesso è stato bloccato a causa dei combattimenti.

Antonio Albanese