Prospettiva pace per lo Yemen

6

KUWAIT – Kuwait City. 24/04/16. Aperti ufficialmente i colloquidi in Kuwait per la pace in Yemen. Questi negoziati hanno l’obiettivo di porre fine al conflitto in corso in Yemen, ha spiegato, venrdì, il ministero dell’Informazione kuwaitiano. Sono oltre 6.200 i morti dall’inizio del conflitto.

Il dialogo inizierà quando ci sarà un cessate il fuoco tra le parti, ovvero sin dal’11 aprile ma in realtà questo cessate il fuoco è stato ripetutamente violato da entrambe le parti coinvolte. Il conflitto apertosi il 24 settembre nella capitale Sanaa con l’intervento Houthi e ha preso una dimensione allargata alla regione quando l’Arabia Saudita ha deciso di intervenire dando vita a una coalizione con le monarchie del Golfo per fermare l’avanzata dei ribelli, percepito come “agenti dell’Iran”. 

«Noi (i ribelli) abbiamo accettato di andare ai negoziati» in Kuwait, dopo aver ricevuto “rassicurazioni” dal mediatore delle Nazioni Unite per il cessate il fuoco, ha detto ieri Saleh al-Sammad che rappresenta i ribelli Houthi in una dichiarazione pubblicata da al-Masirah. Per giustificare la loro assenza ai colloqui finora, i ribelli avevano sostenuto per «la continuazione dell’aggressione saudita», nonostante la tregua. L’annuncio dei ribelli è stato confermato da Yasser Alawadi, vice segretario generale del Congresso Generale del Popolo (GPC) partito dell’ex alleato presidente Saleh Houthi http://enligneviagra.net…. La delegazione dei ribelli ed il GIC “parteciperanno alle consultazioni in Kuwait”, ha detto ha annunciato su Twitter, aggiungendo che è previsto l’arrivo sul posto di oggi dopo aver attraversato Muscat, la capitale dell’Oman. Secondo Mahdi al-Mashat, capo del direttore del personale ribelli Abdel Malek al-Houthi i ribelli hanno anche ottenuto garanzie che «l’ordine del giorno del dialogo è chiaro e comprende domande che possono aiutare una soluzione pacifica». Obiettivo dei ribelli e dei loro alleati è quello di ottenere una revoca delle sanzioni dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, contro alcuni dei loro leader, tra cui il signor Saleh, secondo una fonte vicina ai colloqui. Il mediatore ONU Ismail Ould Cheikh Ahmed, giovedì in Kuwait ha aumentato i contatti con le parti interessate e i rappresentanti dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza.