YEMEN. Il Sudan si ritira dalla guerra contro gli Houthi

155

Il nuovo primo Ministro sudanese Abdalla Hamdok ha promesso di ritirare le truppe dalla guerra guidata dall’Arabia Saudita nello Yemen, dicendo che il ruolo del suo paese dovrebbe limitarsi ad assistere in una risoluzione politica del conflitto. «Il conflitto nello Yemen non ha una soluzione militare, sia da noi che da qualsiasi parte del mondo», ha detto Hamdok al Consiglio Atlantico, ripreso da Press Tv. Ha aggiunto che la guerra «deve essere risolta con mezzi politici», e che il suo paese cercherà di «aiutare i nostri fratelli e sorelle in Yemen e svolgeremo un ruolo politico con il resto del mondo per aiutarli ad affrontare questo problema».

Il Sudan è stato uno dei principali artefici della coalizione saudita contro lo Yemen, formatasi nel 2015 nel tentativo di installare un governo filosaudita a Sana’a e schiacciare il movimento yemenita sciita Houthi Ansarullah.

Secondo i dati ufficiali, fino a 40.000 soldati sudanesi sono stati dispiegati nel paese durante il picco del conflitto nel 2016-2017. Alla fine di ottobre, tuttavia, i funzionari sudanesi hanno detto che il paese avrebbe ritirato migliaia di uomini dallo Yemen, dove sarebbero rimaste solo «poche migliaia».

Parlando al Consiglio Atlantico, Hamdok ha detto che oggi «non molte» forze sudanesi rimangono nello Yemen. Hamdok, che sta guidando il governo di transizione del paese in un patto di condivisione del potere con i militari, ha inoltre dichiarato che sarà «assolutamente» in grado di ritirare le truppe rimanenti dallo Yemen.

Il nuovo primo Ministro ha detto che il suo governo ha ereditato il dispiegamento nello Yemen dall’ex presidente sudanese Omar Hassan al-Bashir che è stato estromesso a seguito di una rivolta popolare contro il suo governo in aprile. Hamdok si è impegnato ad affrontare il coinvolgimento del paese nella guerra guidata dall’Arabia Saudita nel prossimo futuro senza ulteriori approfondimenti sulla questione.

Mentre i funzionari sudanesi si sono astenuti dal pubblicare i numeri ufficiali delle vittime nello Yemen, le forze armate dello Yemen hanno detto che un totale di 4253 soldati sudanesi sono stati uccisi nel conflitto. All’inizio di quest’anno, gli Emirati Arabi Uniti, il partner più influente di Riyadh nella guerra, hanno ritirato la maggior parte delle loro truppe dallo Yemen. I funzionari degli Emirati Arabi Uniti sono giunti alla conclusione che la guerra è diventata un peso e che gli Houthi alla fine avranno, probabilmente un ruolo politico nel futuro dello Yemen. Ad oggi, Riyadh ha anche cercato di negoziare la fine del conflitto attraverso un dialogo aperto con gli Houthi.

Maddalena Ingroia