Amran in mano agli Houthi

38

YEMEN – Sana’a. 10/0//14. L’agenzia di stampa Sama dello Yemen riferisce che il portavoce dei ribelli sciiti, mercoledì, ha rivendicato l’uccisione di Hamid Alakecaba, comandante di brigata dell’esercito yemenita. L’ufficiale è stato ucciso nella città di Amran Nord sotto il controllo degli Houthi.

Il portavoce ha detto che Mohamed Abdel Salam per telefono ha dichiarato: «Il comandate Alakecaba è stato ucciso insieme a un gruppo di soldati che era con lui durante i combattimenti nella sede della Brigata 310 in Omran nella notte di Martedì». Gli Houthi hanno preso il controllo della città martedì dopo mesi di combattimenti e ha preso il controllo di un certo numero di strutture militari e governative, tra cui la sede della Brigata 310. Inoltre, Abdel-Salam ha detto che nonostante i combattimenti si siano fermati, l’aviazione yemenita ha lanciato decine di raid su posizioni Houthi in Amran.  Abdel-Salam ha detto: «Ci sono stati più di 70 raid aerei ieri, compresi raid sul comandante che era stato preso in consegna» dai ribelli. Gli scontri hanno avuto luogo in Amran (città capitale della provincia di Amran che si trova a 50 km a nord di Sanaa), dall’inizio di febbraio tra gli Houthi e le tribù alleate con loro, da un lato, e la Brigata 310, guidati dal generale di brigata Hamid Alakecaba vicino Brigata vigore Ali Mohsen al-Ahmar e Islah (Fratelli musulmani) ci sono stati molti scontri. Aspri combattimenti imperversavano negli ultimi cinque giorni nella città di Amran, il bilancio delle vittime supera i 400 morti. Ma i dati non sono stati confermati.