YEMEN. Abu Dhabi non lascia lo Yemen, punta sulla pace

42

Gli Emirati Arabi Uniti hanno detto che non lasceranno lo Yemen nonostante il ridispiegamento delle loro forze nel paese, poiché i ribelli Houthi hanno detto di essere pronti a fermare gli attacchi all’Arabia Saudita. Gli Emirati Arabi Uniti sono un partner chiave in una coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita che è intervenuta nello Yemen nel 2015 per sostenere il governo internazionalmente riconosciuto del presidente Abedrabbo Mansour Hadi contro i ribelli Huthi allineati in Iran.

All’inizio di questo mese, riporta Afp, gli Emirati hanno detto che stavano redistribuendo e riducendo le truppe in tutto lo Yemen e passando da una strategia solo militare a un piano di pace effettivo.

«Giusto per essere chiari, gli Emirati Arabi Uniti e il resto della coalizione non lasciano lo Yemen», ha detto il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Anwar Gargash, in un editoriale pubblicato sul Washington Post, il 22 luglio. Gargash ha detto che gli Houthi dovrebbero considerare questo movimento di truppe degli Emirati Arabi Uniti come «misura per creare un nuovo slancio per porre fine al conflitto ( …) Mentre gli Emirati Arabi Uniti attingono e ridistribuiscono le sue forze nello Yemen, lo facciamo nello stesso modo in cui abbiamo iniziato – con gli occhi ben aperti (…) Non c’è stata una vittoria facile e non ci sarà una pace facile. Ma ora è il momento di raddoppiare il processo politico» ha detto Gargash.

Le parti in guerra hanno combattuto fino allo stallo, e diversi cicli di colloqui tenuti grazie all’Onu, l’ultimo tenutosi in Svezia a dicembre, non sono riusciti ad attuare alcun accordo per porre fine alla guerra. Dal 2015, decine di migliaia di persone sono state uccise nel conflitto, descritto dalle Nazioni Unite come la peggiore crisi umanitaria del mondo. Il conflitto ha anche visto gli Houthi lanciare ripetuti attacchi contro l’Arabia Saudita, tra cui almeno 20 attacchi missilistici e droni sul regno ricco di petrolio nel solo mese di giugno.

Le difese aeree avanzate saudite hanno intercettato con successo la maggior parte degli attacchi, ma non sono riuscite ad bloccarne alcuni, come un attacco con droni all’aeroporto di Abha, nel sud, che ha ucciso una persona e ferito 21 altre.

Il principale leader politico degli Houthi, Mahdi al-Mashat, ha detto che il gruppo era pronto a fermare gli attacchi all’Arabia Saudita e ad impegnarsi in un dialogo con essa, ma a determinate condizioni: «Siamo pienamente preparati a fermare gli attacchi missilistici e aerei se il nemico adotta misure simili e facilita il flusso degli aiuti di base attraverso i porti, e allora possiamo iniziare un processo politico”», ha detto al-Mashat, ripreso dall’agenzia Saba degli Houthi; al-Mashat ha anche negato che gli Huthis fossero “marionette” dell’Iran, come sostengono gli Stati Uniti dall’Arabia Saudita e dagli  Emirati Arabi Uniti.

Tommaso dal Passo