Geolocalizzazione Crimea in tilt

77

CRIMEA – Sinferopoli. 23/03/14. Secondo il Daghestan.news. La società di IT russa, Yandex non intende cambiare la mappa della Crimea. Mentre ieri la Bieolorussia ha detto che “de facto” la Crimea è parte della Federazione Russa.

«Sarà possibile visualizzare la Crimea in Russia per gli utenti russi, ma non verranno modificati i parametri per gli utenti dello stato della penisola dell’Ucraina. Questi cambiamenti non riguardano solo le mappe, ma anche di altri servizi, come ad esempio “Yandex.News”». A riferirlo la società stessa in un comunicato, in cui spiega agli utenti del servizio che possono cambiare il dominio e «selezionare una delle immagini del mondo». Questa soluzione applicata da “Yandex” è stata adottata per tutti i servizi della società, sui territori di Russia, Ucraina, Bielorussia, Kazakistan e Turchia, perché, spiega ancora Yandex hanno lo scopo di risolvere i problemi locali per gli abitanti di ciascuno di questi paesi. Attualmente non specifica quando le modifiche entraranno in vigore. Attualmente se si utilizza il servizio “Yandex”, si noterà che la Crimea è ancora elencato come parte dell’Ucraina. Mentre ieri la Bielorussia, per voce del suo Presidente, Alexander Lukashenko ha detto che la Bielorussia de facto ha riconosciuto che la Crimea fa parte del territorio della Federazione Russa. Lukashenko ha detto che «de facto la Crimea è diventa parte della Russia. La situazione si sta evolvendo de facto. E noi saremo con la Federazione russa». Il presidente della Bielorussia, ha aggiunto: «che de jure – accadrà. Anche Lukashenko ha sottolineato che la Bielorussia non chiederà a nessuno di riconoscere o non riconoscere la Crimea come soggetto della Federazione Russa. La Crimea non è uno stato indipendente ma è parte del del territorio della Federazione Russa». Alla fine della conferenza stampa con i giornalisti Lukashenko ha sottolineato che la Bielorussia non si oppone alle decisioni NATO.