VIETNAM. Operazione Mani Pulite nella Petrovietnam per la crisi PDVSA 

58

Il Vietnam, paese che ha forti legami ideologici con il regime chavista di Maduro, sta investigando sulle enormi somme perse a causa di frodi nell’accordo tra PetroVietnam e la Petroleos de Venezuela, Pdvsa. Il Ministero della Pubblica Sicurezza vietnamita ha aperto un’indagine per presunta corruzione contro la statale PetroVietnam su un progetto da miliardi di dollari, ormai in stallo, per sfruttare il petrolio nell’Orinoco Belt del Venezuela, una delle più grandi riserve petrolifere del mondo. La procura vietnamita ha chiesto che PetroVietnam e la sua controllata, PetroVietnam Exploration Production, Pvep, consegni i documenti rilevanti per l’indagine allo scopo di verificare se i reati sono avvenuti prima che il progetto del Venezuela fosse abbandonato nel 2013.

Anche se PetroVietnam non ha mai effettivamente fatto perforazioni in Venezuela, si dice che l’azienda abbia speso quasi 500 milioni di dollari per l’esplorazione, con gran parte della somma rivelata in ritardo al governo comunista di Hanoi. Lanciato nel 2010, il progetto Junin-2 di PetroVietnam con sede a Venezeula sembrava essere condannato fin dall’inizio. Potenzialmente del valore di 12 miliardi di dollari se il petrolio potesse essere estratto, è stato supervisionato da PetroMacareo, una joint venture tra Pvep e Pdvsa. Pvet avrebbe dovuto investire 1,2 miliardi di dollari e 584 milioni di dollari in “bonus contrattuali” in Pdvsa per “licenze governative e diritti esplorativi”. Tuttavia, secondo Asia Times, questi bonus non sono stati resi noti da Pvep nei suoi rendiconti finanziari al governo vietnamita.

Inoltre, al fine di evitare un possibile controllo da parte dell’Assemblea Nazionale, Pvet ha ridotto la sua quota di capitale del progetto da 965 milioni di dollari a 537 milioni di dollari. A quel livello, l’accordo non ha bisogno dell’approvazione legislativa e quindi è andato avanti senza controllo.

Sebbene all’epoca molti esponenti del governo abbiano sollevato interrogativi, non è stata avviata alcuna indagine. Molte agenzie erano sotto il controllo dell’allora primo Ministro Nguyen Tan Dung, compresa PetroVietnam. A dicembre 2013, tuttavia, Hanoi capì che l’impresa venezuelana era troppo rischiosa e doveva essere fermata per evitare ulteriori perdite. PetroVietnam ha riportato nel suo bilancio solo lo scorso anno perdite per un valore di 460 milioni di dollari nel progetto, la maggior parte delle quali è stata sostenuta da “bonus contrattuali” precedentemente non divulgati pagati a Pdvsa. 

L’accusa di corruzione, sebbene ancora non dimostrata, sarebbe l’ultima di una serie di scandali legati a PetroVietnam. L’indagine, nel frattempo, ha avviato un’ampia epurazione anti-corruzione all’interno del partito comunista. 

Graziella Giangiulio