Hanoi sostiene il turismo occidentale

14

VIETNAM – Hanoi 08/07/2015. Il Vietnam celebra il LV anniversario della sua industria turistica.

L’industria del turismo vietnamita è stata fondata il 9 luglio 1960, con l’istituzione dell’ente governativo, ora conosciuto come il Vietnam National Administration of Tourism (Vnat), riporta l’agenzia Tuoi Tre News.
A giugno, gli arrivi di turisti stranieri in Vietnam hanno subito il XII crollo consecutivo, con più di 529.400 visitatori, in calo dell’1,9 per cento rispetto allo stesso mese del 2104.
Solo 3,8 milioni di turisti internazionali hanno visitato il paese del sud-est asiatico nei primi sei mesi dell’anno, un calo dell’11,3 per cento rispetto al primo semestre dello scorso anno, secondo le statistiche dell’Ufficio Generale di Statistica vietnamita.
Dal maggio 2014, gli arrivi di turisti di lingua cinese, che rappresentano il 25 per cento del numero dei turisti internazionali del paese, non sono venuti a causa di “molti fattori oggettivi”, mentre quelli provenienti dalla Russia, il secondo più grande mercato del paese, hanno tenuto anche se in declino. Sei più grandi paure affliggono i turisti internazionali durante la visita in Vietnam: sovrapprezzo e imbrogli, traffico pericoloso, mendicanti e furto, sicurezza alimentare terribile, scarsa consapevolezza della tutela ambientale, e il cattivo comportamento dei venditori verso i turisti.
«Il 2 luglio, il primo ministro ha emanato una direttiva per aumentare l’efficacia della gestione del turismo, la creazione di un nuovo strumento per l’industria del turismo teso a eliminare completamente queste “sei “paure””, riporta la Vietnam News Agency. Tra di esse spicca l’esonero dal visto per i turisti provenienti da cinque paesi dell’Europa occidentale (Inghilterra, Germania, Italia, Francia, Spagna e Bielorussia).
L’Europa occidentale è tra i mercati turistici tradizionali del Vietnam, con circa 700mila turisti che visitano il paese del Sudest asiatico. Oltre alla travel policy senza visto, la Vnat collaborerà con altre istituzioni tra cui anche la compagnia di bandiera, Vietnam Airlines, per lanciare una campagna di promozione turistica per attrarre turisti provenienti da questi cinque paesi, secondo il Vietnam News Agency.
Il programma include riduzioni di prezzo del 20-30 per cento sui servizi turistici in Vietnam, e la creazione di nuovi pacchetti per attrarre coloro che vogliono visitare Laos, Cambogia, Thailandia, Malesia o Singapore dal Vietnam.
La campagna mira ad aumentare gli arrivi di turisti dall’Europa occidentale in Vietnam per arrivare a 1,1 milioni tra il 2016 e il 2018.