VIETNAM. I bancomat del riso per sconfiggere il coronavirus

103

Per evitare una carestia in Vietnam, il riso sarà distribuito con i bancomat…

L’imprenditore vietnamita Hoang Tuan Anh vuole evitare ai suoi connazionali la fame durante la crisi economica, innescata dall’epidemia COVID-19 con distributori automatici che distribuiscono riso gratis.

«Molte persone hanno perso il lavoro a causa della chiusura delle imprese. Noi vogliamo aiutare, ho scelto di donare riso in modo che tutti possano mangiare. Con i distributori automatici di riso che lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7», ha detto Anh, il cervello dietro il progetto e proprietario della ditta PHG Lock, proprietaria di soluzioni tecnologiche all’avanguardia, riporta Efe.

Anche se il Vietnam è riuscito a contenere la diffusione di Covid-19 con soli 265 casi segnalati finora e nessun decesso, le misure di distanziamento sociale imposte dal governo all’inizio di questo mese e un generale rallentamento dell’economia hanno colpito migliaia di imprese e lasciato milioni di persone senza reddito.

Al bancomat del riso la gente in una coda disciplinata aspetta il proprio turno mantenendo una distanza di due metri con l’aiuto di segni sul pavimento, mentre la polizia e i dipendenti della società gestiscono la folla.

Mentre le persone si avvicinano alla macchina, gli organizzatori li esortano a togliersi il cappello e ad abbassare le maschere, in modo che un sistema di riconoscimento facciale possa garantire che questa sia la loro prima raccolta per la giornata.

La maggior parte dei beneficiari sono persone che sono state colpite più duramente dalle misure di distanziamento sociale.

I bancomat fanno parte di una serie di misure di aiuto realizzate sia dai singoli che dal governo per aiutare le fasce più svantaggiate della società. Oltre alle esenzioni fiscali temporanee e alle linee di credito, il governo ha lanciato un pacchetto di aiuti del valore di 62 trilioni di dong (2,65 miliardi di dollari), per aiutare circa 20 milioni di persone. Tuttavia, un gran numero di persone rimane al di fuori della rete di aiuti o sopravvive con scarse entrate.

Il creatore del progetto ha stimato che nel giro di una settimana hanno distribuito circa 45 tonnellate di riso e aiutato circa 120.000 persone, cioè 30.000 famiglie, attraverso almeno 10 distributori installati a Ho Chi Minh City, Hanoi e in altre città.

Antonio Albanese