VENEZUELA. Un nuovo blackout paralizza tre quarti del paese

29

Un nuovo blackout energetico ha lasciato gran parte del Venezuela senza elettricità il 22 luglio a partire dalle 16:40, ha detto il Corpoelec, che controlla il servizio elettrico in tutto il paese. Il ministro delle Comunicazioni venezuelano Jorge Rodriguez ha dichiarato che un attacco elettromagnetico alla principale centrale idroelettrica del paese aveva causato il blackout che ha colpito milioni di persone.

«Le prime indicazioni ricevute dall’indagine… portano all’esistenza di un attacco di carattere elettromagnetico che ha cercato di influenzare il sistema di generazione idroelettrica della Guyana, (quel paese lì) il principale fornitore di questo servizio in (questo) paese», ha detto il ministro ha detto alla televisione statale Vtv.

Almeno una dozzina di agenzie federali del paese sono state colpite dal blackout, che si è diffuso in alcune regioni, mentre a Caracas, riporta poi Efe, è stato sospeso il servizio della metropolitana, bloccando molti pendolari e costringendo molti altri ad andare a piedi verso le loro destinazioni. Centinaia di post sul blackout sono circolati sui social network e sui media locali, secondo cui ben 16 stati del paese erano completamente al buio.

L’interruzione di corrente ha creato ancora una volta problemi per i venezuelani nell’effettuare chiamate telefoniche, soprattutto da una regione all’altra, e ha portato a guasti nelle connessioni Internet in un paese dove quasi tutti dipendono da un ente statale per la loro elettricità. L’ultimo blackout diffuso che aveva colpito Caracas si era verificato il 10 aprile. Tuttavia, le interruzioni di corrente si verificano quasi quotidianamente negli stati occidentali di Trujillo e Zulia, che confina con la Colombia.

Lo scorso marzo, il Venezuela ha vissuto un blackout di 11 giorni dopo due importanti interruzioni che hanno paralizzato il paese, dando lo spunto al regime di Nicolas Maduro di incolpare l’opposizione politica e l’amministrazione americana di Donald Trump. Per risolvere questi problemi, il regime venezuelano ha iniziato a razionare l’elettricità e ha continuato a farlo per quasi due mesi, lasciando 20 dei 24 stati del paese al buio per 20 ore alla settimana.

Il regime ha anche creato un centro di controllo unico per affrontare la crisi e ha annunciato la modernizzazione e la ristrutturazione del Corpelec. L’opposizione, nel frattempo, ha detto che la corruzione all’interno del ministero dell’Energia Elettrica e la cattiva gestione di miliardi di dollari destinati al settore sono la causa della crisi attuale.

Graziella Giangiulio