VENEZUELA. Un giudice USA potrebbe decidere chi è il presidente legittimo, passando per Citgo-PDVSA

155

La lotta per il potere economico e politico in corso in Venezuela potrebbe subire una una nuova sterzata collegata alla gestione della Pdvsa e del suo asset, la Citgo Petroleum. Un tribunale del Delaware deve stabilire chi è che gestisce i due enti e quindi chi di fatto è il legittimo presidente del Venezuela.

La settimana scorsa, riporta Oilprice, il leader dell’opposizione americana Juan Guaido ha nominato i nuovi direttori delle due compagnie, sfidando Nicolas Maduro e nel tentativo di assumere il controllo delle attività petrolifere del Venezuela, praticamente le uniche attività che generano valuta forte per il paese.

I precedenti direttori della Citgo nominati da Maduro restano al loro posto, cioè mantengono la gestione della raffineria statunitense sulla carta, ma il nuovo consiglio di amministrazione nominato da Guaido si è riunito il 21 febbraio e si appresta a scegliere un nuovo amministratore delegato.

Secondo Bloomberg, è probabile che Maduro sfiderà le nomine dei nuovi manager, e questo stallo legale potrebbe finire in un tribunale negli Stati Uniti dove ha sede Citgo. La società madre di Citgo, Pdv Holding Inc, ha sede nel Delaware e l’azionista finale è Pdvsa, l’azienda di proprietà statale, quindi dipende dal capo dello stato del Venezuela.

Secondo la legge del Delaware, Citgo è controllata dal consiglio di amministrazione nominato da Maduro. Nel caso in cui Guaido cerchi di far riconoscere al Delaware i suoi incaricati, deve presentare un cosiddetto consenso aziendale all’agente registrato di Citgo e sostenere di essere il presidente del Venezuela, quindi, secondo Bloomberg, l’ultimo detentore del controllo di Pdvsa e Citgo.

Se Maduro dovesse contestarlo, potrebbe sostenere di essere lui il legittimo presidente del Venezuela. Così la questione di chi ha il controllo di Citgo potrebbe finire in un tribunale del Delaware e ad un giudice del Delaware potrebbe essere chiesto di decidere chi è il legittimo presidente del Venezuela. 

Secondo la legge statunitense, la risposta è facile: ai sensi dell’articolo II della Costituzione Usa, il Presidente ha l’autorità di riconoscere, o meno, i governi stranieri. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha riconosciuto Guaido come il legittimo presidente del Venezuela. Ma il giudice americano, se richiesto, potrebbe anche rifiutarsi di pronunciarsi su tale questione perché è politica, sempre secondo Bloomberg.

Né Guaido né Maduro hanno presentato ricorso in tribunale per decidere chi controlli le attività petrolifere del paese, osserva Bloomberg. Tuttavia, il Tribunale Supremo di Giustizia venezuelano, filo-Maduro, ha dato vita ad un’azione legale contro gli individui che Guaido ha annunciato come nuovi membri del consiglio di amministrazione di Pdvsa e Citgo.

Graziella Giangiulio