VENEZUELA. Tre giorni di salario per un litro di latte

160

Ci vogliono poco più di tre giorni di salario minimo per poter comprare un litro di latte o mezzo litro di yogurt.

In Venezuela i prezzi salgono e quelli del latte, riporta Panorama, non scendono sotto i 4.000 bolivar e, come riportato dai fornitori, la mancanza dell’abbassamento dei prezzi è dovuta a costi di produzione elevati.

Il periodico venezuelano effettua una serie di interviste per testare la diffusione del malcontento, ne abbiamo scelto uno che testimonia la realtà dei consumatori venezuelani: «Quando è stato lanciato sul mercato il “Migurt” era grande perché era buono ed economico, ora è molto costoso. La confezione più piccola costa circa 1500 bolivar, nonostante le agevolazioni. Non vale la pena. Mangiare questi prodotti è diventato un lusso, vale per lo yogurt come per molti altri», ha detto un cliente del Distributore 93 (è un supermercato).

Molte famiglie rinunciano a comprare un litro di latte e scelgono di acquistare una brocca di latte al costo di 4940 bolivar. Il latte in polvere, poi, denuncia il periodico è divenuto inavvicinabile: un chilogrammo costa oltre 12mila bolivar ed ha raggiunto questo livello in un batter d’occhio ed in maniera inspiegabile.

Dal lato della produzione, poi, la situazione non è certo rosea. Il presidente della Camera venezuelano delle industrie lattiero-casearie, Cavilac, Roger Figueroa, intervistato da La Verdad de Vargas, ha detto che gli affiliati operano al 50% delle proprie capacità installata o meno, e che molte linee di distribuzione sono chiuse.

«Purtroppo devo dire che l’industria sta lavorando al 50% della capacità, forse anche meno», ha detto Figueroa.

In una intervista a Globovision Cavilac ha detto che la chiusura di queste linee di distribuzione hanno portato come conseguenza che molti prodotti «non sono in circolazione»

«Abbiamo materie prime e abbiamo i fondi per importare», ha aggiunto, quello che manca è il ripristino del sistema di distribuzione adeguato alle esigenze della popolazione.

Graziella Giangiulio