VENEZUELA. Torna a esserci il pane

92

Le panetterie di Caracas hanno gradualmente aumentato la produzione del pane francese e del pane “Quill”, ad una settimana dal lancio del Piano 700, che prevede il monitoraggio sia della produzione che della vendita di questo prodotto.

Il capo della Superintendencia Nacional de Precios Justos, Sundde, William Contreras, ha detto il 21 marzo, riporta El Diario de Caracas, al programma radiofonico “Dando y Dando”, trasmesso dalla Radio Nacional de Venezuela, che l’aumento della produzione è dovuto all’effettivo impegno dei panettieri nel rispettare le norme emanate dal Direttivo nazionale.

Ha poi spiegato che le prime ispezioni nelle panetterie hanno censito circa 180791 filoni di pane francese, mentre il 17 marzo ne hanno trovate 527980. Per quanto riguarda il pane “Quill”, ha detto che la vendita era pari a 43358 il 14 marzo e il 17 marzo ce ne erano 763535 unità.

Durante l’intervista, Contreras ha ricordato che le vendite, la distribuzione e il servizio sovrapprezzo sono reati ai sensi della Legge Organica sui prezzi equi, che può comportare pene detentive tra i tre e i sei anni, e se c’è recidiva, l’occupazione temporanea e la possibilità di richiedere l’espropriazione definitiva della proprietà.

Questi due tipi di pane sono stati scelti per i controlli perché sono quelli preferiti di Caracas, per il quale ha esortato i fornai della capitale di restare impegnati per la fornitura.

«Dobbiamo fare ogni sforzo per garantire che la materia prima ci sia nel paese e tutti dovrebbero rispettare quanto è previsto dalla legge evitando le vendite sovrapprezzo e fare un grande sforzo serio e sincero per eliminare le code ai forni» ha detto.

Ha poi detto che l’aumento della produzione di pane tradizionale deve essere accompagnata con l’uso di farine alternative per offrire più varietà alla gente.

La temporanea occupazione dei forni, che durerà 90 giorni, è destinato a correggere situazioni irregolari in quanto riguarda il funzionamento degli stabilimenti, ed è stata eseguita in 709 panetterie a Caracas.

Graziella Giangiulio