VENEZUELA. Smantellato traffico di carburante con la Colombia

203

Lo stato venezuelano ha emesso mandati d’arresto per quattro persone legate all’operazione criminale che costa al popolo venezuelano milioni di dollari. 

A darne notizia, il procuratore generale venezuelano Tarek William Saab che ha annunciato che lo stato ha smantellato un’organizzazione criminale che contrabbandava carburante dagli stati di Tachira e Zulia in Colombia, l’operazione è stata condotta giovedì.

Nell’operazione di sicurezza condotta dall’Ufficio del Procuratore generale del paese e dalla Direzione generale del controspionaggio militare, le autorità sono state in grado di sequestrare 19 rimorchi e dodici camion utilizzati per contrabbandare il carburante fortemente sovvenzionato. Hanno anche trovato 70 container con una capacità di 1.000 litri che venivano usati per immagazzinare il carburante.

Secondo Saab durante il raid, hanno trovato 772.000 litri di cherosene, benzina, olio minerale e petrolio.

Il governo venezuelano ha stimato il valore del carburante circa quattro milioni di dollari. Per il reato, l’accusa ha richiesto mandati d’arresto per quattro persone che sono presumibilmente membri dell’organizzazione. Sono accusati di traffico e commercio di risorse strategiche, riciclaggio di denaro sporco e cospirazione per commettere un crimine.

Saab ha anche annunciato di aver fatto irruzione in otto compagnie venezuelane collegate al caso, tra cui Serquimteg, Ramirez Thiel Imports, F.P. Exports e Multiservicios Masul.

«Si troveranno ad affrontare tutto il peso della legge, perché il Venezuela ha bisogno del suo carburante, perché ha bisogno del suo cibo e dei suoi medicinali. Non permetteremo a persone travestite da uomini d’affari di ferire il nostro paese», ha detto Saab in una conferenza stampa.

I raid sono il risultato di un mese di indagini. «È un caso esemplare di altri che stiamo indagando», ha avvertito Saab, esortando le autorità colombiane a fare lo stesso.   

Il Venezuela ha intensificato gli sforzi per combattere il contrabbando di carburante in Colombia. In agosto, il presidente Nicolas Maduro ha annunciato la decisione di aumentare i prezzi del carburante in 41 comuni vicino al confine colombiano e di applicare una nuova forma di pagamento per ridurre il contrabbando.

Secondo Maduro, il paese perde ogni anno 18 miliardi di dollari a causa del contrabbando di carburante verso la Colombia e i Caraibi.

Antonio Albanese