VENEZUELA. Segnalati ammutinamenti bancari e diserzioni militari

103

Il “soft coup” in Venezuela si sta anche giocando all’interno delle sale della banca centrale, dove, riporta Bloomberg, i dipendenti stanno effettuando un piccolo “ammutinamento” rifiutandosi di firmare le transazioni bancarie chiave. Secondo Bloomberg, alcuni dipendenti della banca centrale hanno ricevuto «offerte di prepensionamento» il 1 febbraio dopo aver ignorato gli ordini dei vertici aziendali.

Il mini ammutinamento ha avuto luogo mentre i dipendenti si preoccupavano delle potenziali conseguenze e ripercussioni della firma sulle operazioni finanziarie che sono state escluse dalle sanzioni statunitensi. Si farebbe riferimento ai tentativi di Maduro di riportare in Venezuela 1,2 miliardi di dollari in oro dalla Banca d’Inghilterra e dei piani di spedizione di 20 tonnellate di oro all’estero, ostacolati nelle ultime settimane, e che hanno dato vita ad un esame internazionale al Banco Central de Venezuela,  per i timori che il regime di Maduro possa tentare di portare via gli 8,4 miliardi di oro di deposito, provocando un congelamento dei beni venezuelani detenuti nelle banche occidentali.

Nel frattempo, il presidente dell’Assemblea Nazionale Juan Guaido ha invitato i militari e i dipendenti pubblici ad abbandonare il regime di Maduro per aiutarlo a formare un governo di transizione. Mentre pochi hanno seguito il suo appello in patria, alcuni diplomatici in servizio presso ambasciate e consolati esteri lo hanno ascoltato, defezionando.

Prima dell’inizio delle proteste del 2 febbraio, un generale dell’Aeronautica militare in servizio attivo ha detto di aver riconosciuto Juan Guaido come presidente ad interim del Venezuela. Guaido ha riconosciuto di aver avuto “incontri clandestini” con i membri delle forze armate e delle forze di sicurezza, offrendo l’amnistia; ma gli alti comandi militari sono rimasti fedeli a Maduro.

Il generale Francisco Esteban Yanez Rodriguez è il primo ufficiale di alto rango a lasciare il governo di Maduro dal 23 gennaio, quando il presidente dell’Assemblea Nazionale Juan Guaido si è dichiarato leader legittimo del paese.

In un video su YouTube, Yanez ha detto: «Il passaggio alla democrazia è imminente». Ha descritto Maduro come un dittatore e si è riferito a Guaido come al suo presidente, ma si è rifiutato di dire se si trova ancora in Venezuela o se ha lasciato il paese. Riporta l’Associated Press che l’ufficiale ha confermato, da un numero colombiano, la veridicità della sua dichiarazione e ha detto che non avrebbe rilasciato ulteriori dichiarazioni fino a quando non avesse ricevuto l’autorizzazione del «comandante in capo della forza armata legale che è il presidente Juan Guaido».

Nel video, Yanez ha affermato che il “90 per cento” delle forze armate del paese sono contro Maduro.

 Graziella Giangiulio