VENEZUELA. Sale il prezzo del greggio di Caracas

253

Il prezzo del petrolio del Venezuela è aumentato del 1,5% a causa del taglio della produzione Opec iniziato a gennaio.

Secondo i dati diffusi dal ministero del Petrolio e delle Miniere del Venezuela, il prezzo medio del greggio venezuelano venduto da Petroleos de Venezuela S.A., Pdvsa, fino al 27 gennaio è salito a 45,33 dollari, una crescita di 67 centesimi dai precedenti 44,66.

Il Wti, riporta Laht, a New York, ha avuto un prezzo medio di 53,14 dollari, mentre il Brent è stato scambiato a Londra in media per 55,50 dollari. Secondo i dati del governo venezuelano, il prezzo medio nel 2017 per il greggio del Venezuela è di 45,09 dollari.

Il prezzo medio del petrolio venezuelano per il 2016 è stato di 35,15 dollari, in calo dal 2015 di 44,65 e dal 2014 di 88,42, al di sotto del prezzo del 2013 di 98,08 dollari, del 2012 103,42 e del 2011 di 101,06 dollari, del 2010 di 72,43, e anche di quello medio del 2009 di 57,01 dollari.

Nel 2016, il Wti ha registrato un prezzo medio di 43,32 dollari, un calo verso il basso rispetto al 2015 di 48,86, mentre il Brent in media è arrivato a 44,98 dai 53,66 dollari del 2015.

Storicamente, l’offerta del Venezuela aveva registrato la sua media settimanale più alta il 18 luglio del 2008, quando arrivò a 126,46 dollari, e il punto più basso è stato toccato il 22 gennaio 2016, quando cestino il prezzo medio è stato solo di 21,63 dollari.

Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, il Venezuela è stato il quarto più grande fornitore di petrolio greggio e prodotti petroliferi importati negli Stati Uniti dopo il Canada, l’Arabia Saudita e il Messico. Degli Stati Uniti le importazioni dal Venezuela hanno subito un calo complessivo in questi ultimi anni. Ad ottobre 2015, gli Stati Uniti hanno importato una media di 802000 barili al giorno di petrolio e di prodotti petroliferi grezzi provenienti da Venezuela, con un calo del 49% rispetto a un decennio fa.
Il Venezuela invia la gran parte delle sue esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti a causa della vicinanza e del funzionamento delle raffinerie Usa delle Gulf Coast progettati per gestire il pesanti greggio venezuelano.

A fronte di ciò, le esportazioni statunitensi di prodotti petroliferi in Venezuela sono aumentate a causa delle ristrettezze finanziarie di Caracas che non permettono di investire e mantenere le proprie raffinerie nazionali.

In base all’accordo Opec del 30 novembre, il Venezuela ha accettato di ridurre la sua produzione di 95000 barili al giorno a partire dal gennaio 2017.

Graziella Giangiulio