VENEZUELA. Saccheggi nel blackout e Pechino aiuta Maduro 

75

Nicolas Maduro, il 13 marzo, ha faticato per restituire elettricità al Venezuela occidentale, dopo i grandi saccheggi nella regione di Zulia, mentre la Cina si è offerta di aiutare la nazione sudamericana a porre fine al suo peggior blackout mai registrato. 

La corrente elettrica è tornata in molte parti del Venezuela, ma non aveva pienamente raggiunto lo stato occidentale di Zulia, dove le temperature sono elevate, al confine con la Colombia. I saccheggiatori hanno distrutto le vetrine dei negozi e se ne sono andati con la merce in più di 300 aziende in tutto lo stato, ha reso noto in un comunicato Fedecamaras Zulia, branca locale dell’omonima organizzazione aziendale, ripresa da Reuters.

Empresas Polar, la principale azienda alimentare del paese, ha detto che questa settimana sono state saccheggiate quattro strutture a Maracaibo, la città più grande dopo la capitale Caracas, con saccheggiatori che hanno preso acqua, bibite e pasta.

L’Opposizione ha definito non credibile la spiegazione del blackout data dal governo Maduro, un sabotaggio causato da un hacking degli Usa, insistendo sul fatto che la responsabilità era da attribuire alla corruzione dilagante e a un decennio di gestione incompetente. Per gli esperti, si è trattato di un problema tecnico con le linee di trasmissione che collegano la centrale idroelettrica di Guri nel sud-est del Venezuela alla rete elettrica nazionale.

La Cina, il 13 marzo, ha espresso la propria preoccupazione per il blackout che ha colpito il Venezuela nei giorni scorsi e ha assicurato di essere pronta a fornire assistenza tecnica per il ripristino della rete elettrica del paese. Nel corso di una conferenza stampa, il portavoce del Ministero degli Esteri Lu Kang, riporta Prensa Latina, ha espresso fiducia nel governo del presidente Nicolas Maduro per scoprire le cause dell’incidente, affinché l’intero sistema elettrico riprenda il più presto possibile a funzionare normalmente. «La Cina è disposta a fornire sostegno e l’assistenza tecnica necessaria al Venezuela per ristabilire completamente l’elettricità», ha detto Lu nell’esprimere la grande preoccupazione generata dall’evento.

Graziella Giangiulio