VENEZUELA. Riserve aurifere addio

191

Maduro ha bruciato sette tonnellate di riserve aurifere. Ad approfondire l’argomento la Reuters. Per oltre 50 anni la BCV ha avuto circa 350 tonnellate d’oro, ma tra il 2015 e il 2017 ha elaborato prestiti utilizzando l’oro come garanzia. Il regime di Nicolás ha utilizzato le riserve auree per ottenere liquidità finanziaria, ma non ha presentato assegni e bilanci, né ha reso conto di tali fondi. Secondo i dati del governo, la BCV aveva 129 tonnellate d’oro all’inizio del 2019.

Secondo la testata Infobae, le riserve auree della Banca Centrale del Venezuela sono al livello più basso degli ultimi 50 anni. Nella prima metà dell’anno, circa sette tonnellate di oro di massima purezza hanno cessato di appartenere alle riserve della Banca Centrale e la disponibilità di lingotti è ora di 98 tonnellate, secondo le note dei rendiconti finanziari dell’agenzia.

Il valore delle riserve auree a giugno era di 4.993 milioni di dollari, 200 milioni di dollari in più rispetto a dicembre 2019, quando erano valutate a 4.789 milioni di dollari. Tuttavia, questo aumento è stato dovuto a un aumento significativo del prezzo del metallo, in gran parte dovuto all’intenzione degli investitori di ricorrere a quella che è considerata un’oasi di valore, nel contesto della crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus.

Le riserve auree hanno continuato a ridursi, mentre fonti locali hanno avvertito che l’ente emittente stava vendendo presumibilmente all’estero, i lingotti come un modo per il regime – gravato dalla caduta delle entrate petrolifere e dalle sanzioni degli Stati Uniti – di raggiungere liquidità. Ad aprile è stato segnalato un ritiro di lingotti e, secondo fonti consultate, parte di tale operazione era finalizzata all’acquisto di alcuni rifornimenti per la lavorazione della benzina, a causa di mancata fornitura di carburante.

Secondo l’agenzia Bloomberg, circa nove tonnellate d’oro – un importo equivalente a circa 500 milioni di dollari – sono state inviate all’Iran come pagamento per gli aiuti che il regime di Teheran ha fornito per rilanciare le raffinerie di benzina che erano paralizzate.

Nel 2018, Maduro ha confermato di aver iniziato ad esportare oro estratto in Turchia. Nonostante le pressioni di Washington per avvertire gli acquirenti internazionali di oro, il regime è stato in grado di continuare a scambiare lingotti di metallo, anche della massima purezza.

Il governo ad interim di Juan Guaidó ha anche richiesto nei forum internazionali che la vendita dell’oro del regime fosse sanzionata, assicurando che gran parte di esso fosse estratto illegalmente.

L’area, conosciuta come Orinoco Mining Arc, è teatro di numerose violazioni dei diritti umani da parte di migliaia di lavoratori informali. La situazione è stata documentata in diverse occasioni. L’ultimo proviene da un severo rapporto dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR), Michelle Bachelet.

All’inizio del 2019 la Banca Centrale ha accumulato 129 tonnellate di oro monetario, secondo i dati ufficiali. Parallelamente al ritiro dei lingotti d’oro, l’emittente venezuelano ha intrapreso ad aprile misure per negoziare parte dell’oro che ha depositato presso la Banca d’Inghilterra. L’intenzione era di convogliare fondi attraverso un’entità delle Nazioni Unite per acquisire attrezzature e affrontare la pandemia di coronavirus.

Tuttavia, l’amministrazione dei fondi è stata contestata dal governo ad interim di Juan Guaidó. Il caso è pervenuto all’Alta Corte britannica, che all’inizio di luglio ha stabilito che è il governo in carica ad avere il potere di accedere legalmente alle riserve, dato che il governo del Regno Unito ha ” inequivocabilmente ” riconosciuto Guaidó come ” presidente ad interim costituzionale ” del paese latinoamericano.

La vicenda non si ferma: il 24 luglio il regime ha impugnato la decisione. Secondo fonti consultate dall’agenzia EFE, il giudice del caso Nigel Teare ha accettato che venisse proposto un “appello parziale”, cioè che solo una parte del parere da lui emesso possa essere riesaminato, che si riferisce a la questione della “giustiziabilità”.

La Corte d’Appello dovrà decidere in una data futura se Teare avesse ragione quando ha stabilito, come parte della sua sentenza, che gli atti e le nomine di Guaidó come “presidente ad interim del Venezuela” (come riconosciuto dal governo del Regno Unito) non sono “giudicabili” in Inghilterra, cioè non dovrebbero essere esaminati, anche se sono stati dichiarati illegali dalla giustizia venezuelana.

Graziella Giangiulio