VENEZUELA. PDVSA inizia a pagare ConocoPhilips 

202

La statunitense ConocoPhillips, il 25 ottobre, ha annunciato di aver ricevuto 345 milioni di dollari in contanti e materie prime nell’ultimo trimestre dalla compagnia petrolifera statale venezuelana Pdvsa nell’ambito di un accordo stipulato dopo che ConocoPhillips ha sequestrato alcuni dei beni della Pdvsa nei Caraibi. Si tratta di parte di una prima rata prevista dall’accordo per adempiere al lodo arbitrale da 2 miliardi di dollari che ConocoPhillips ha vinto all’inizio di quest’anno in merito a dei contratti petroliferi non rispettati dal paese sudamericano.

Il pagamento, riporta Reuters, reso pubblico dai risultati del terzo trimestre dell’azienda Usa, è arrivato mesi dopo che ConocoPhillips si era rivolta alla magistratura e aveva ottenuto il diritto di sequestrare la maggior parte delle scorte caraibiche di Petroleos de Venezuela, dei beni logistici e di stoccaggio per far valere il lodo arbitrale di aprile.

La compagnia petrolifera statale venezuelana dovrà affrontare nei prossimi giorni pagamenti su obbligazioni con scadenza nel 2020; Pdvsa ha utilizzato Citgo Petroleum, la sua unità di raffinazione statunitense, come garanzia collaterale del 51% sul bond del 2020.

ConocoPhillips in agosto ha sospeso i sequestri legali dei beni della PDVSA sulle isole di Aruba, Bonaire, Curacao e St Eustatius dopo che la PDVSA ha accettato di effettuare un pagamento iniziale di 500 milioni di dollari entro 90 giorni.

I sequestri giudiziari hanno aggravato il calo delle esportazioni di petrolio del Venezuela, causato dal calo della produzione petrolifera a sua volta originato dalla mancanza di investimenti e dell’esodo di lavoratori qualificati. Il petrolio è la spina dorsale finanziaria dell’economia del paese sudamericano, che soffre di iperinflazione e sanzioni finanziarie da parte del governo degli Stati Uniti.

ConocoPhillips ha dichiarato il 25 ottobre che si aspetta di ricevere i restanti 155 milioni di dollari del primo pagamento della Pdvsa in questo trimestre. L’accordo con Pdvsa prevedeva che i restanti 1,5 miliardi di dollari venissero pagati trimestralmente a ConocoPhillips in un periodo di 4 anni e mezzo. 

Graziella Giangiulio