VENEZUELA. Oro, pesce e biscotti collegano Ankara e Caracas

230

Una delegazione commerciale turca si è recata in Venezuela e Colombia per entrare in nuovi mercati dell’America Latina, incontrando a Caracas il Presidente del Venezuela Nicolas Maduro, vero appassionato della Turchia. La delegazione, che comprende 11 aziende turche, ha tenuto colloqui in Colombia e Venezuela e ha firmato diversi accordi di esportazione con più di 200 aziende locali nei due paesi dell’America Latina.

«È stata una visita di 10 giorni molto proficua, che ha riguardato Venezuela e Colombia (…) Abbiamo avuto incontri con oltre 1.000 uomini d’affari di oltre 200 aziende importatrici di prodotti alimentari all’ingrosso a Caracas e Bogotà», ha dichiarato Ali Can Yamanyılmaz, responsabile delle associazioni mediterranee di esportatori di prodotti animali e pesca, Ashib, ripreso da Hurriyet. 

I ricavi delle esportazioni dell’industria della pesca turca sono stati pari a 2,5 miliardi di dollari l’anno scorso e il principale mercato di esportazione per le aziende locali sono stati l’Iraq e le nazioni del Medio Oriente, e l’instabilità di questa regione ha costretto le aziende turche a trovare nuovi mercati. Il Venezuela, con una popolazione di 30 milioni di abitanti, e la Colombia, con una popolazione di 55 milioni di abitanti, sono anche enormi mercati potenziali per le aziende turche, ha osservato Yamanyılmaz.

«Siamo pronti a cooperare in ogni campo», ha detto Maduro alla delegazione turca alla riunione di Caracas; secondo il quotidiano turco, Maduro ha accolto molto calorosamente i turchi, e quasi tutti i ministri del suo gabinetto erano presenti alla riunione.

La delegazione turca e Maduro hanno discusso dei legami commerciali bilaterali tra i due paesi: «Maduro ha invitato le aziende turche a investire in Venezuela, che ha vaste riserve di petrolio, oro, alluminio e rame. Il presidente ha osservato che il Venezuela offre enormi opportunità anche in altri settori, in particolare nei settori alimentare, siderurgico e siderurgico, oltre che tessile», prosegue il direttore di Ashib.

Le esportazioni turche verso il Venezuela ammontano a circa 120 milioni di dollari, di cui 72 milioni di dollari provenienti dalle esportazioni alimentari. Durante i 10 giorni di visita le aziende turche hanno firmato accordi per l’esportazione di una serie di prodotti, come farina, pasta, formaggio, conserve alimentari, succhi di frutta, olio d’oliva, mele, dolciumi e biscotti, ha detto.

Altro legame tra Caracas e Ankara è l’oro. Stando a ScrapMonster, il governo venezuelano ha anche annunciato il lancio del suo primo complesso di lavorazione dell’oro a Matanzas, nello Stato di Bolivar. Il lancio fa parte degli sforzi per contrastare le sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Il complesso di estrazione e lavorazione dell’oro Manuel Carlos Piar trasforma il minerale in lingotti d’oro. Impiega quasi 150 lavoratori. L’impianto tratterà inizialmente 20 chilogrammi di minerale d’oro al mese. Una volta completato, l’impianto avrà la capacità di trattare 200 chilogrammi di minerale, il che lo rende il quinto impianto più grande dell’intera regione dell’America Latina.

Come si ricorderà il Venezuela ha passato alla Turchia oro per un valore di 41 miliardi di dollari. Sebbene il Venezuela abbia le seconde riserve auree del mondo con quasi 32 giacimenti aurei certificati, non disponeva di impianti di lavorazione nazionali e dipendeva da paesi stranieri per la lavorazione del materiale, cometa Turchia.

Graziella Giangiulio