VENEZUELA. Nazionalizzata la Pay Tv

64

Il Tribunal Supremo de Justicia del Venezuela ha ordinato al governo Maduro, la scorsa settimana, di prendere il controllo delle installazioni di DirecTV nel paese e di ripristinare il segnale due giorni dopo la chiusura del servizio da parte della società madre AT&T, che ha sede negli Stati Uniti, in conformità alle sanzioni di Washington contro il regime di Caracas.

Il tribunale ha detto che Conatel, l’agenzia di regolamentazione delle telecomunicazioni, deve «prendere immediatamente possesso di tutti i beni mobili e immobili, uffici commerciali, sede amministrativa, centri operativi e di trasmissione, antenne e qualsiasi altra apparecchiatura o installazione». DirecTV stava servendo circa 2 milioni di famiglie venezuelane quando, il 19 maggio, AT&T ha chiuso le operazioni.

Una volta preso il controllo di DirecTV, Conatel ripristinerà “immediatamente” il segnale satellitare agli abbonati e l’agenzia potrà contare sul supporto delle forze armate venezuelane nello svolgimento del compito, ha detto la Corte Suprema. Conatel ha ricevuto l’incarico di nominare un consiglio di amministrazione ad interim per DirecTV con il direttore dell’agenzia Jorge Marquez Monsalve come presidente.

Il nuovo consiglio di amministrazione stabilirà se gli abbonati avranno diritto a sconti per il periodo in cui il segnale è stato interrotto. I fornitori di servizi via cavo e via satellite in Venezuela sono tenuti per legge ad assegnare almeno l’8% della programmazione totale ai canali nazionali, tra cui Globovision e la PDVSA TV.

Le sanzioni statunitensi mirano a rovesciare il regime di Nicolas Maduro, società e privati negli Stati Uniti non possono fare affari con gli enti statali in Venezuela, come la PDVSA TV.

Al contrario, Globovision è un’emittente privata che si oppone a Maduro, il network è stato sanzionato dal Dipartimento del Tesoro statunitense nel gennaio 2019 per presunte «operazioni di cambio illecite». Presa tra il divieto statunitense di trattare con PDVSA TV e Globovision e l’insistenza venezuelana di riportare in vita le due reti, AT&T ha deciso di staccare la spina a DirecTV.

«Poiché è impossibile per l’unità DirecTV di AT&T rispettare i requisiti legali di entrambi i paesi, AT&T è stata costretta a chiudere le sue operazioni di pay TV in Venezuela», ha detto la società di telecomunicazioni statunitense in una dichiarazione. AT&T ha dichiarato che il management di DirecTV Venezuela non è stato informato in anticipo della decisione di chiudere.

Luigi Medici