VENEZUELA. Mosca cala i suoi Blackjack

106

Due bombardieri strategici Tu-160 russi, nome in codice Nato “Blackjack”, sono arrivati in Venezuela all’inizio di questa settimana e hanno fatto un volo di circa 10 ore sul Mar dei Caraibi, ha annunciato  il ministero della Difesa russo il 13 dicembre. I due Tu-160 sono stati accompagnati in alcune fasi da caccia Su-30 e F-16 dell’Aeronautica Militare Venezuelana. Il ministero della Difesa russo sottolinea che il volo è stato effettuato «nel rigoroso rispetto delle regole internazionali per l’uso dello spazio aereo».

La notizia che la Russia stava trasferendo due bombardieri strategici Tu-160 in Venezuela era venuta fuori il 10 dicembre. Il ministero della Difesa russo aveva annunciato che un aereo da trasporto militare pesante, un An-124 Ruslan, e un Il-62 a lungo raggio erano stati inviati nel paese latino-americano. L’aereo russo aveva volato attraverso lo spazio aereo sopra l’Oceano Atlantico, così come i mari di Barents, della Norvegia e dei Caraibi, percorrendo oltre 10.000 km, riporta Uawire.

Il Pentagono aveva definito il volo dei Tu-160 un “volo provocatorio”, e aveva osservato che Washington avrebbe seguito da vicino il movimento degli aerei strategici russi «alla luce della loro capacità di lanciare missili da crociera con testate nucleari su obiettivi americani». Dopo il botta e risposta tra Mike Pompeo e Dmitry Peskov, la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders, sempre il 13 dicembre, riporta il Wall Street Journal, ha detto che Mosca aveva dato la sua assicurazione che i bombardieri strategici non sarebbero rimasti a lungo in Venezuela: «Abbiamo parlato con i rappresentanti della Russia, e ci hanno detto che i loro aerei militari che sono arrivati in Venezuela andranno via il 14 dicembre e torneranno in Russia».

Il 13 dicembre, poi, il ministero della Difesa russo ha messo in rete i filmati del volo effettuato dai due Blackjack, sulle acque del Mar dei Caraibi. Il video mostra non solo una vista sul mare, ma anche l’interno della cabina di pilotaggio dell’aereo, riporta Russian Aviation.

I Tu-160, erano decollati da una base aerea venezuelana la mattina presto, quando era ancora buio, per praticare decolli su campi d’aviazione sconosciuti in condizioni di visibilità limitata, riporta il canale russo Zvezda TV che ha anche pubblicato un video del decollo.

Antonio Albanese