VENEZUELA. Metrocaracas KO causa blackout e mancata manutenzione

72

L’interruzione di corrente, che ha colpito per più di 30 minuti il 29 agosto Caracas e parti di Vargas e dello stato di Miranda, è stata prodotta dal taglio di una linea da una torre situata a 73 chilometri da Santa Teresa del Tuy, Miranda, secondo il ministro per Energia elettrica, Luis Motta Domínguez.

«L’interruzione è durata solo 37 minuti, grazie all’azione del personale Corpoelec e la causa è stata individuata. L’interruzione è stata prodotta del taglio di un linea in una torre a 73 chilometri da Santa Teresa», ha detto il Ministro, ripreso da El Diario de Caracas.

La rete di trasporto pubblico è crollata a Caracas, dopo che l’interruzione di corrente ha bloccato la metropolitana e costretto molti utenti a camminare per diversi chilometri per raggiungere le loro destinazioni. Il blackout, che ha interessato gran parte della capitale, è durato circa 30 minuti e ha indotto le autorità a sospendere, in via cautelare, tutti i servizi di trasporto sotterraneo, che coprono praticamente l’intera città.

Anche il servizio Metro Los Teques, che collega Caracas a Miranda, è stato sospeso a causa della mancanza di energia elettrica. Dopo diverse ore, entrambi i servizi hanno ripreso il normale funzionamento, ma il disagio per i pendolare è stato enorme. Il ministro dell’Energia elettrica Luis Motta ha detto alla televisione statale Vtv che l’interruzione è stata causata dal “taglio” di una linea di trasmissione a Santa Teresa, nello stato centrale di Miranda.

«Una linea non si spezza, non si taglia da sola. Stiamo investigando su quanto è accaduto per trovare chi c’è dietro» ha detto Motta. Il blocco temporaneo della metropolitana si è aggiunto al crollo di cui già soffre il sistema di trasporto pubblico venezuelano, data la scarsità di carrozze e motrici della metropolitana a causa della mancanza di pezzi di ricambio e degli elevati costi operativi.

Secondo il sindacato dei lavoratori dei trasporti di Caracas, circa il 90 per cento delle carrozze della Metro nella capitale venezuelana sono “tecnicamente fuori servizio”, creando così spazio per i cosiddetti “perreras”, camion da trasporto che servono come veicoli per il trasporto pubblico, spesso senza nemmeno le caratteristiche minime di sicurezza.

L’interruzione di corrente del 29 agosto è il secondo blackout su larga scala che colpisce Caracas in questo mese.

I blackout elettrici sono frequenti in Venezuela e si verificano più spesso nella parte occidentale del paese, soprattutto nel ricco stato di Zulia, al confine con la Colombia dove, dopo un atto di sabotaggio su una linea elettrica all’inizio di agosto, secondo il governo venezuelano, l’energia elettrica è stata razionata.

Graziella Giangiulio