VENEZUELA. Medicine rubate a prezzi ribassati sul mercato nero

66

Il Procuratore generale del Venezuela ha annunciato l’arresto di sei persone presumibilmente coinvolte nel traffico di medicinali nel paese in crisi. «Abbiamo smantellato una rete coinvolta nel furto di medicinali e di beni di prima necessità per venderli sul mercato nero», ha detto Tarek William Saab durante un discorso televisivo, ripreso da Efe.

Saab ha detto che la rete criminale era stata scoperta dopo che il consiglio di amministrazione di Farmatodo, una delle principali catene di farmacie in Venezuela, aveva informato la polizia che i loro negozi avevano segnalato “prodotti mancanti”. Le indagini hanno portato le autorità giudiziarie a scoprire che camionisti, caricatori, supervisori e altri dipendenti di Farmatodo stavano rubando alcune delle merci provenienti dai centri di distribuzione.

«A volte caricavano i camion con merce extra e li scaricavano prima di arrivare… e poi li vendevano a prezzi scontati», ha detto il procuratore generale. Saab ha detto che la rete ha «derubato nel giro di otto mesi prodotti per un valore di 7,5 miliardi di bolivar» aggiungendo che «il danno fatto è molto maggiore poiché i prodotti sono stati importati con dollari forniti dallo Stato».

Dal 2003, la nazione ricca di petrolio ha stabilito severi controlli sui cambi, attraverso i quali il governo controlla il flusso di valute straniere e le assegna ad aziende e individui, soprattutto per le importazioni di medicinali e alimenti. Saab ha detto che sono stati emessi mandati per condurre ulteriori perquisizioni e che ci si potrebbero aspettare ulteriori arresti.

L’aumento del costo dei medicinali in Venezuela può essere quantificato in molti casi in un 13% al giorno. Il paese sta attraversando una grave carenza medica da oltre due anni e la situazione non migliora. 

I farmacisti hanno confermato che ci vogliono settimane e anche mesi per ottenere dei medicinali: In alcune farmacie di Caracas mancano da tempo ipertensivi ed antibiotici. Molti malati non hanno i medicinali per la leucemia o anticoagulante e i pazienti vengono curati speso grazie alle donazioni di medicinali. Molte persone negli ospedali acquistano farmaci e forniture mediche di cui hanno bisogno, come ad esempio: siringhe, sieri, garze.

Graziella Giangiulio