Maduro: poteri speciali all’esecutivo

38

VENEZUELA – Caracas. 21/11/13. Il presidente Maduro continuando la tradizione con l’ex leader Chavez, ha approvato una legge delega che per un anno che darà all’esecutivo pieno potere di emanare leggi con particolare attenzione alla posizione economica del Paese in ottica socialista.

Maduro ha detto che dopo aver ottenuto poteri speciali per legiferare senza il controllo del Parlamento, per un anno, il prossimo gennaio inizierà un “attacco scioccante” contro la corruzione e di attuerà una “nuova etica” per trasformare “tutto”. L’Assemblea nazionale, dominata dai suoi sostenitori, ha approvato la legge, sostenendo che il paese è in guerra economica lanciata dagli avversari. L’approvazione della legge è stata fatta per alzata di mano, la maggioranza, con 99 voti a votato a favore e l’opposizione contro con 66 voti. Il presidente dell’Assemblea Diosdado Cabello ha annunciato l’approvazione, dopo interventi legislatori di entrambe le parti.

«Il passaggio di questa legge ci permetterà di andare avanti nei prossimi 12 mesi», ha commentato Maduro in un discorso televisivo. Il presidente ha avallato i provvedimenti come il passaggio di una legge per le conserve e sui margini di profitto e di altri settori produttivi per regolamentare le importazioni e promuovere le esportazioni. Egli ha detto che il nuovo quadro normativo prevede “meccanismi accelerati” per le sovvenzioni, ma in un regime di “richieste di picco”, dove un imprenditore «che riceverà una sovvenzione sta per firmare un contratto di garanzia di buona esecuzione». Sostanzialmente ha promesso Maduro le sovvenzioni verranno controllate ma non dovranno penalizzare gli imprenditori. Il Venezuela mantiene controlli sui cambi dal 2003 e tutti gli importatori sono costretti a rivolgersi al governo per le valute ufficiali che sono negoziati al tasso di 6,30 bolivares per dollaro. Il governo sostiene che in molti casi sono state utilizzate le valute per scopi diversi da quelli contenuti nella domanda. Inoltre, «è necessario mettere un segno distintivo su tutti i prodotti così che le persone possano sapere quale prodotto è importato con i dollari della Repubblica», ha detto il presidente, confermando che «le misure sono parte di un ordine di transizione economica al socialismo».

Tra le azioni in cantiere l’istituzione di «un registro unico di piccoli e medi commercianti per proteggerli, per farli uscire dalle mani di coloro che rubano approfittando della loro posizione» ha detto. Il leader dell’opposizione Henrique Capriles ha detto in una dichiarazione che la legge sui poteri speciali è stata una “farsa”. «Il Venezuela è una miniera d’oro di olio e ancora, la gente del paese non ha latte, farina, zucchero», ha detto Capriles. «Questa abilitazione è una farsa. Questa è una legge che consente al corrotto di operare e il suo sviluppo sarà corrotto», ha aggiunto.