VENEZUELA. Maduro espelle l’UE per ingerenza

20

Il Presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha dato all’ambasciatrice dell’Unione Europea nel paese, Isabel Brilhante, 72 ore per lasciare il paese, a causa di un intervento nella politica interna del paese da parte dell’Unione. «Il Venezuela rifiuta la politica interventista dell’Unione Europea», ha detto Maduro, ripreso da Prensa Latina. Il presidente ha chiesto che i funzionari dell’Ue si spoglino della tradizione coloniale e suprematista, con la quale intendono attaccare popoli liberi e sovrani.

Il Presidente venezuelano ha annunciato la decisione durante la presentazione del Premio nazionale di giornalismo Simón Bolívar nel Palazzo Miraflores, sede del governo: «Noi venezuelani parliamo chiaramente, basta con il colonialismo europeo contro il nostro Paese», ha sottolineato dopo aver detto che l’Ue ha fallito nel tentativo di voler interferire negli affari interni della nazione bolivariana.

Maduro ha spiegato che i funzionari dell’Ue si sono incontrati il 29 giugno per analizzare la situazione nel Paese sudamericano e hanno sanzionato diversi venezuelani di alcune istituzioni: «Faremo ordine con l’Ue. Se non rispetteranno il Venezuela, lasceranno il nostro Paese come nazione e come istituzione», ha sottolineato il presidente Maduro.

In precedenza, il ministro degli Esteri Jorge Arreaza aveva respinto la politica interventista dell’Ue contro il dialogo e la pace nel Paese sudamericano e ha assicurato che il suo patrimonio coloniale e le sue reminiscenze lo portano all’abisso dell’illegalità, dell’aggressione e della persecuzione dei popoli.

Con una dichiarazione, il 29 giugno, l’Ue ha imposto sanzioni a 11 venezuelani per azioni contro l’opposizione al governo del presidente Maduro. Secondo il testo, queste nuove misure restrittive rispondono al fatto che le persone responsabili di aver agito contro il funzionamento democratico dell’Assemblea nazionale, tra cui la revoca dell’immunità parlamentare di alcuni dei suoi membri, tra cui Juan Guaidó, riconosciuto dagli Stati Uniti come presidente ad interim.

Tra i sanzionati ci sono il presidente dell’Assemblea, Luis Parra, nonché il primo vicepresidente del ramo legislativo, Franklyn Duarte, e il secondo vicepresidente dell’ente pubblico, José Gregorio Noriega. Allo stesso modo, il Controllore Generale della Repubblica, Elvis Amoroso, così come il primo vice presidente dell’Assemblea Nazionale Costituente, Tania Díaz, tra gli altri, sono stati sanzionati dall’Unione Europea.

Il testo dell’Unione Europea fa riferimento al fatto che le misure includono l’avvio di processi per motivi politici e il divieto di viaggiare per i funzionari, nonché il congelamento dei beni. L’Ue ha condannato l’espulsione.

Maddalena Ingroia