VENEZUELA. Maduro ai militari: “O con me e il Venezuela o con l’imperialismo di Trump”

220

Il presidente Maduro ha affermato che, di fronte alle minacce, il governo attuerà la sua «difesa sovrana e antimperialista, popolare e continentale».

Come riporta Telesur, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha manifestato la necessità di prepararsi a difendere la sovranità del paese in un’eventuale azione militare contro il Venezuela, mentre i vertici militari latinoamericani, assieme a quelli del comando meridionale degli Stati Uniti, sono riuniti a Lima, in Perù, dopo le minacce di una “opzione militare” contro il Venezuela fatte dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il governo bolivariano ha l’obbligo di difendere la sovranità della nazione, ha dichiarato Maduro che ha poi aggiunto di non credere ad un attacco sotto forma di “invasione militare classica”, ma ritiene possibile che le Forze armate venezuelane possano essere attaccate “dall’interno” per creare una situazione di “non governabilità” che giustifichi quindi un’invasione.

Maduro ha anche affermato che il blocco che impedisce l’arrivo di cibo e medicinali al paese potrebbe essere usato per esacerbare le crisi prima di un’invasione potenziale.

Il Venezuela deve «prepararsi per non farsi trovare sorpreso» nel caso di un attacco, ha detto Maduro. «Dobbiamo avere la capacità di rispondere con fermezza e la prontezza a combattere, con le armi in mano, se dobbiamo difendere la terra sacra del Venezuela».

Riferendosi alla riunione di questa settimana tra il vicepresidente americano Mike Pence e i leader dell’opposizione venezuelana a Miami, Maduro ha dichiarato che «una riunione come mai prima fra il vicepresidente americano Mike Pence e un gruppo di fuggitivi dal sistema giudiziario venezuelano si è svolta ieri. Al tavolo delle riunioni vi erano persone coinvolte in gravi reati terroristici; crimini gravi contro l’integrità della nazione (…) Abbiamo l’obbligo di aumentare il potere militare per la difesa e la garanzia della pace nazionale, sudamericana e dei Caraibi», ha proseguito. Sottolineando la raffinatezza della capacità di autodifesa del Venezuela, Maduro ha affermato di aver sviluppato una «difesa sovrana e antimperialista, popolare e continentale (…) Il Venezuela, ha affermato, non ha mai avuto intenzioni militaristiche o interventistiche a differenza delle “potenze imperialiste” che usano una mappa del mondo nei loro incontri per pianificare l’uso della forza contro le nazioni che dispongono di risorse vitali».

Maduro ha lanciato il suo avvertimento nel corso di una riunione preparatoria di esercitazioni militari, ripreso dal Diario de Caracas, ha poi detto: «Dobbiamo essere chiari con i giovani, soprattutto militari, è necessario serrare i ranghi nel paese, non è tempo di eventuali crepe e chi non è d’accordo deve lasciare immediatamente le forze armate (…) Siete con Trump e l’imperialismo o siete con le Forze Armate Nazionali e bolivariane del paese. Questa è la scelta. Mai prima d’ora il Venezuela era stato minacciato in modo tale», ha detto Maduro, che ha ricordato come le Forze Armate sono il cardine del sistema socialista del paese, che ha conferito a quest’istituzione un grande potere politico ed economico.

Graziella Giangiulio