VENEZUELA. L’India festeggia l’arrivo del petrolio di Caracas

229

L’India sta festeggiando il petrolio venezuelano, dopo che gli Stati Uniti hanno imposto un divieto de facto sulle importazioni di greggio dalla nazione latinoamericana. Mentre i flussi verso gli Stati Uniti si sono arrestati, l’India è diventata il primo acquirente di greggio venezuelano nella prima metà di febbraio, con le importazioni che salgono dal 66 per cento a 620.000 barili al giorno. Le raffinerie indiane Reliance Industries Ltd e Nayara Energy Ltd, sostenute da Rosneft Oil Co PJSC, guidano la classifica dell’avanzamento.

Tuttavia, riporta Gulf News, le esportazioni di greggio venezuelano sono crollate da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha irrogato sanzioni contro la compagnia petrolifera del paese. Le spedizioni di petrolio, la merce che finanzia il regime del contestato presidente Nicolas Maduro, sono scese a 1,12 milioni di barili al giorno nella prima metà di febbraio, in calo del 9,2 per cento rispetto allo stesso periodo di gennaio. Nessuna nave diretta negli Stati Uniti ha lasciato i porti venezuelani in quel periodo. Sette navi venezuelane cariche di petrolio caricate per le raffinerie statunitensi Valero Energy Corp e Chevron Corp sono state bloccate da quando le sanzioni sono state annunciate il 28 gennaio, quando la Petroleos de Venezuela SA, di proprietà statale, richiede il pagamento anticipato dei carichi.

Nel frattempo, le spedizioni verso la Cina, da tempo alleata della Cina, che sta lottando per recuperare almeno 50 miliardi di dollari che ha prestato al Venezuela negli ultimi 12 anni, hanno subito un rallentamento. Le importazioni sono diminuite del 50 per cento, scendendo a 120.000 barili al giorno.

Nel frattempo proseguono gli invii di aiuti umanitari statunitensi per il Venezuela, depositati nella città di Cucuta, al confine con la Colombia. Si tratta di aiuti internazionali e statunitensi per i venezuelani. Stando a Reuters, gli aiuti ammonterebbero a oltre 200 tonnellate, ma l’ambasciata degli Stati Uniti in Colombia ha detto di non avere l’esatta dimensione degli aiuti spediti.

La Colombia ha detto più volte che gli aiuti non saranno distribuiti nel suo territorio. Simili aiuti «forniranno sollievo a decine di migliaia di venezuelani che soffrono di gravi carenze di cibo e medicine causate dalla cattiva gestione del regime illegittimo di Maduro», ha detto l’ambasciata degli Stati Uniti in un comunicato.

Graziella Giangiulio