VENEZUELA. La produzione del gas di PDVSA è ai minimi storici

93

Solo cinque delle 19 licenze di produzione di gas concesse dalla compagnia petrolifera statale Petróleos de Venezuela concesse negli ultimi 20 anni sono attualmente attive, poiché fattori come i rigidi controlli sui cambi degli ultimi 16 anni, una dura crisi economica e un forte calo della produzione di petrolio continuano a colpire duramente il già malconcio settore petrolifero e del gas del paese.

Stando ai dati riportati dall’Asociacion Venezolana de Procesadores de Gas, ripresa da Efe, l’Avpg ha affermato che la produttività del settore del gas venezuelano è stata seriamente compromessa anche dai problemi del braccio Pdvsa Gas a causa dello stretto rapporto contrattuale tra le licenze e la compagnia petrolifera.

Tito Boradona, vicepresidente di Avpg, ha dichiarato che le 5 licenze attualmente attive sono il blocco Cardón IV gestito congiuntamente da Eni e Repsol (offshore); Ypergas di Total, Repsol, Inepetrol e Otepi (onshore); Gas Guárico di Inpex (onshore); Zamaca Oeste della joint venture bielorussa-venezuelana BieloVenezuela (onshore); e QQ & Zamaca. Boradona ha sottolineato che non è stato possibile raggiungere l’obiettivo di produzione fissato per il 2019 nel 2016. Secondo informazioni ufficiose e altre fonti non citate dalla dirigenza Avpg, alla fine dello scorso anno sono stati prodotti circa 810 milioni di metri cubi al giorno, Mmpcd, da 1.580 MMpcd. Purtroppo, solo il 51,3% di quell’obiettivo fissato tre anni prima è stato raggiunto.

Tra le compagnie petrolifere che hanno ottenuto le licenze spiccano Gazprom, Chevron/Vinder, Petrobras/Teikoku, Statoil, Petronas e Shell.

«20 anni dopo l’apertura del settore del gas e 15 anni dopo il lancio del Piano Siembra Petrolera (Raccolta del Petrolio), la produzione si è attestata finora a soli 721 Mmpcd nel caso delle licenze. È interessante notare che abbiamo raggiunto a malapena il 45,6% dell’obiettivo di produzione fissato nel 2016 e il 18% dell’obiettivo fissato da Siembra Petrolera per le 4.000 licenze Mmpcd», ha aggiunto Boradona.

Maddalena Ingroia