VENEZUELA. La polizia segreta di Maduro uccide 4 persone al giorno dal 1 giugno

217

La Fuerzas de Acciones Especiales, Faes, un’unità della Policia Nacional Bolivariana del Venezuela, Pnb, creata dal presidente Nicolás Maduro nel 2017 con l’unico scopo di combattere la criminalità e il terrorismo, ha ucciso 456 cittadini, di cui 135 con precedenti penali, solo nel primo semestre di quest’anno.

Stando a quanto riporta, il quotidiano locale TalCual dal 1° giugno al 13 giugno sono stati segnalati quattro morti al giorno per un totale di 53 per mano del Faes, ma un recente scandalo a seguito dell’omicidio di una delle guardie del corpo di Iris Varela, ministro del Servizio penitenziario venezuelano, ha improvvisamente fermato la follia omicida. Tuttavia, secondo TalCual, nei restanti 18 giorni di giugno sono state registrate altre quattro morti violente di membri della Faes; nel complesso, la Faes ha ucciso 57 persone, 22 esecuzioni sono state eseguite come riferito da famiglie, vicini e amici e 23 sono state trasferite negli ospedali dopo le sparatorie con questa forza di polizia. Purtroppo, nessuno di questi ultimi è sopravvissuto.

Gli stati più colpiti sono stati il Distretto della Capitale con 10 morti, seguito da Miranda (7) e Lara (5). Un minor numero di morti è stato registrato a Zulia (5), Aragua (5), Carabobo (4), Barinas (4), Bolívar (4), Nueva Esparta (4), Guárico (3), Falcón (1), Monagas (1), Táchira (1), Trujillo (1) e Yaracuy (1).

Sorprendentemente, le cifre di giugno sono state inferiori a quelle registrate nello stesso periodo dello scorso anno, con un totale di 584 persone uccise da agenti di polizia della FAES nella prima metà del 2019, per un totale di 128 persone in più rispetto a giugno di quest’anno, rirpota l’agenzia spagnola Efe.

Anche se molti media locali hanno contribuito a compilare le cifre attuali di questa ricognizione, la maggior parte è stata fornita dallo stesso corpo di polizia, ha detto TalCual.

Tommaso dal Passo