VENEZUELA. L’89% delle imprese è colpito dall’iperinflazione

471

Secondo un recente sondaggio condotto in Venezuela nel settore commerciale dalla VenAm Commerce Chamber, l’89% delle aziende rappresentate nell’evento ha subito un forte impatto iperinflazionistico, mentre il 66% ha risentito del mercato dei cambi e dell’accesso limitato alle valute straniere.

D’altra parte il 65% degli intervistati ha riferito che il loro livello di produzione è diminuito nel 2017 rispetto al 2016 mentre solo il 17% ha affermato che è aumentato. Per quanto riguarda gli audit, il 53% ha dichiarato di essere sottoposto a revisione una volta all’anno mentre il 25% ha dichiarato di essere soggetto a controlli mensili e il 5% ha dichiarato di essere monitorato quotidianamente. Hanno anche indicato che il 56,12% era controllato dal Seniat e il 30,61% dal Sundde.

Per quanto riguarda i piani di investimento per quest’anno, il 62,50% degli intervistati ha dichiarato che sarà superiore rispetto allo scorso anno mentre il 10,42% ha dichiarato che sarà inferiore. Il 42% ha dichiarato che diminuirà il proprio portafoglio e il 29% ha dichiarato di aspettarsi un calo delle vendite.

Infine, per quanto riguarda le prospettive di alcuni indicatori per 2018 un’inflazione media del 12.000%, 7,18 aumenti salariali durante l’anno e un aumento salariale di 942%, mentre il 7% degli intervistati ritiene che la produzione diminuirà.

Di fronte alla crisi economica iperinflattiva, che il governo Maduro chiama guerra economica, la risposta del governo venezuelano è quella di aumentare gli aiuti di Stato.

Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha annunciato un aumento nel programma nazionale di voucher alimentari, del salario minimo e delle tabelle salariali la scorsa  settimana. Questo è il secondo aumento del salario minimo per il 2018 e mira a combattere gli alti livelli d’inflazione indotta che riducono il potere d’acquisto della popolazione venezuelano.

Maduro ha anche annunciato che gli utenti del sistema speciale dei Carnet de la Patria, riceveranno 700.000 bolivar durante la Pasqua e le donne riceveranno un ulteriore vantaggio per la Giornata della donna. Il Carnet de la Patria è stato creato nel gennaio 2017 con l’obiettivo di rendere più efficienti gli aiuti di Stato e combattere gli effetti delle sanzioni economiche e finanziarie imposte al Venezuela.

Le nuove misure del governo sono state definite insoddisfacenti da Federcamaras che denuncia la perfezione dell’imprenditoria da parte del governo chavista.

Graziella Giangiulio