VENEZUELA. Inflazione al 741% nel 2017

317

L’assemblea Nazionale del Venezuela ha riferito che l’inflazione accumulata nei mesi di gennaio e febbraio è stata pari al 42,5%. Secondo quanto riporta El Diario de Caracas, quella prevista per la fine di questo anno è al 741% per la Banca centrale del Venezuela.

Il presidente della commissione finanze del Parlamento, José Guerra, ha detto durante una sessione della Camera che l’indice nazionale dei prezzi al consumo era pari al 20,1% nel mese di febbraio, più del 16,7% registrato nel mese di gennaio.

Questi dati, secondo Guerra, starebbero ad indicare «la distruzione del potere d’acquisto di salari, stipendi, pensioni e buonuscite dei venezuelani», si legge in un suo comunicato stampa, ripreso dal giornale.

«Un tasso di inflazione di questa portata si spiega principalmente con l’aumento del 275% del denaro nominale emesso dalla Bcv nel 2017. Finora questo ammortamento accumulato ha influenzato anche l’aumento dei prezzi del bolivar sul mercato parallelo e alimentato le aspettative di svalutazione del bolivar», recita il comunicato.

Lo scorso febbraio, Guerra aveva detto che il Parlamento aveva deciso di costruire un indice dell’inflazione utilizzando tutte le metodologie indicate dalla Bcv «che è universale e non richiede altra conoscenza» e lo aveva fatto per sopperire al silenzio della Bcv.

L’inflazione in Venezuela, che la Bcv ha fornito fino al 2015 fissandola 180,9%, è un problema per la “guerra economica” indotta dall’esterno, secondo il governo di Nicolas Maduro, che incolpa gli uomini d’affari e gli oppositori della grave crisi nella nazione ricca di petrolio.

Il Fondo monetario internazionale ha previsto in aprile che il prodotto interno lordo, Pil, del Venezuela fissato all’8% si sarebbe ridotto nel 2016, dopo aver registrato il 5,7% nel 2015, mentre l’inflazione è stata calcolata al 480% per la fine dello stesso anno.

La Banca Centrale del Venezuela non ha più fornito i dati ufficiali sull’inflazione sul Pil o sulla scarsità di denaro dal febbraio 2016.

Maddalena Ingroia