VENEZUELA. Il Frente Amplio chiama alla partecipazione i cittadini

116

Il Frente Amplio Venezuela Libre, il 14 marzo, ha invitato gli elettori a creare assemblee di cittadini «per stabilire il calendario del movimento in tutti gli Stati del paese e mettere in scena una “civica” e “pacifica” protesta contro il governo».

Stando a quanto riporta il sito Unidadvenezuela: «In questa settimana, il Frente Amplio Venezuela Libre si sta costituendo… da oggi attraverso le attività che saranno intraprese in modo massiccio il prossimo sabato», il 17 marzo, ha detto il segretario dell’Asemblea Nacional e membro dell’organizzazione, Negal Morales.

Morales ha anche indicato che queste assemblee si concentreranno su tre attività centrali: la conferma dei diversi fronti in Venezuela; l’adesione al Fronte di ogni venezuelano che lo desidera e l’espressione di volontà attraverso la protesta pacifica: «Sabato ci saranno assemblee cittadine in tutto il paese per confermare la creazione di ampi fronti. Questa lotta è di tutto il Venezuela, non è più una lotta di partiti. A tutto il tessuto sociale del Venezuela, partecipate alle attività»

Ha detto che le “assemblee dei cittadini” saranno un «luogo di discussione, di dibattito, di adesione al Frente ed espressione del malcontento che abbiamo sulla situazione sociale e politica del paese».

A livello internazionale, invitiamo tutti i venezuelani in qualsiasi città del mondo… a condurre un’azione di protesta”, ha detto Morales, che è anche l’assistente segretario dell’Azione Democratica (AD), per quanto riguarda la chiamata mondiale. Ha detto che le “assemblee dei cittadini” saranno un “luogo di discussione, dibattito, adesione al Frente ed espressione del malcontento che abbiamo sulla situazione sociale e politica del paese». A questo proposito, ha esortato i cittadini a partecipare a questi incontri per «continuare a lottare per il cambiamento. Vogliamo votare, vogliamo scegliere, ma in un processo pulito, trasparente e con condizioni».   

Il Frente Amplio Venezuela Libre è stato creato la settimana scorsa ed è composto da politici dell’opposizione e rappresentanti di diversi gruppi sociali, tra cui sostenitori disincantato del governo, e il suo obiettivo, tra le altre cose, è quello di chiedere elezioni presidenziali eque e trasparenti.

Lucia Giannini