VENEZUELA. Il filo rosso tra Guaidó, i narcos e la crisi venezuelana

127

Il vicepresidente delle comunicazioni del Venezuela Jorge Rodríguez ha mostrato un video della testimonianza del narcotrafficante Iván Posso Pedroso, che spiega il legame del deputato Juan Guaidó con il gruppo paramilitare e cartello della droga colombiano Los Rastrojos.

Il governo venezuelano ha mostrato nuove prove dei legami del presidente dell’Assemblea Nazionale Juan Guaidó con il gruppo narco-paramilitare colombiano Los Rastrojos. In una conferenza stampa, il vicepresidente delle comunicazioni del Venezuela, Jorge Rodríguez, ha mostrato un video in cui il leader paramilitare Iván Posso Pedroso ha fornito i dettagli dell’operazione per il passaggio di Guaidó da El Vigía, nello stato di Mérida, e a Puerto de Santander, in Colombia, a febbraio scorso, riporta Telesur.

Posso Pedroso è stato recentemente catturato nello stato di Zulia e ha dato la sua testimonianza, che attesta la veridicità delle fotografie in cui viene osservato l’avversario venezuelano di Maduro con quattro membri del cartello criminale. Ha detto che le foto sono state scattate da lui, come garanzia per la mobilitazione di questo gruppo criminale sul confine senza limitazioni nel caso in cui il diritto Guaidó salisse al potere in Venezuela. 

Il criminale ha affermato che il percorso seguito da Guaidó includeva le comunità di La Pedrosa, El Quince, La Tendida, La Palmita, fino a raggiungere un settore chiamato El Paraíso in comune con la Colombia.

Inoltre, ha detto che l’operazione, chiamata Candado, ha stabilito un coprifuoco in queste località per facilitare il passaggio del politico venezuelano.

Nell’ambito di questa operazione, il gruppo narco-paramilitare colombiano ha usato circa 200 dei suoi membri per generare disturbi e far rifugiare la popolazione locale nelle loro case. 

Il vicepresidente venezuelano ha affermato che altri oppositori venezuelani erano collegati in queste attività a Los Rastrojos, incluso il già arrestato Roberto Medrano, consigliere di Guaidó; e Laidy Gómez, governatore dello stato di Táchira.

«Iván Duque perseguita davvero i gruppi paramilitari che operano nel nord di Santander?» Si è chiesto Rodríguez, dopo aver mostrato come i membri di Los Rastrojos consegnavano Guaidó ai funzionari dell’ufficio del sindaco di Cúcuta.

Inoltre, il deputato venezuelano è stato trasferito in elicottero dal governo della Colombia.  

Altra versione danno gli uomini vicini a Maduro. Albeiro Lobo Quintero, alias “Fratello” – direttore finanziario della banda, e il suo luogotenente,  John Jairo Durán Contreras , alias “el Menor”, sono comparsi nella delegazione di Guaidó mentre viaggiava lungo una strada venezuelana verso la Colombia. «Abbiamo scattato foto con molte persone e con molti rischi siamo riusciti a passare (…). È difficile allontanare chi chiede una foto», ha detto Guaidó, 24 ore dopo che le immagini sono diventate virali, riporta Globovision.

Il portale neogranadino El Tiempo, ha poi scoperto che una delegazione ufficiale, colombiana schierata al confine ha “preso in consegna” Guaidó, con gli onori militari, tappeto rosso compreso al valico di Guaramito. Seguendo i protocolli ufficiali, riservati ai capi di stato, un gruppo di soldati della Guardia presidenziale ha reso gli onori militari, prima che Guaidó salisse su un elicottero FAC0006, mentre una Toyota corazzata del governo di Bogotá ha trasportato gli altri membri della delegazione, tra cui sua moglie, Fabiana Rosales.

Prima di arrivare in Colombia, Guaidó è arrivato al valico di Guaramito a bordo di una Toyota Hylux a bordo del quale c’era anche “Fratello”. Secondo gli esperti sudamericani non si può viaggiare in quelle zone senza che sul cartello ne sia informato e abbia dato il suo assenso. Per quanto riguarda la tregua, va ricordato che in quella parte del paese c’è una guerra tra” gli Urabeños, i Rastrojos e l’Eln per il controllo delle rotte del traffico di droga; e da qui la necessità di una copertura per il passaggio del deputato venezuelano.

Luigi Medici