VENEZUELA. Il calo delle vendite auto è del 99,3%

499

Il mercato automobilistico venezuelano non è crollato ma affondato. In 10 anni la vendita di veicoli nuovi nel settore privato è scesa del 99,3%: il peggior dato si è avuto nel 2016 quando i commercianti hanno venduto solo 3.008 unità negoziare; mentre nel 2007 erano 491.899.

Secondo la Cámara Automotriz de Venezuela, Cavenez, la caduta annua del 2016 è stata del 82,89% rispetto alla fine del 2015.

Il declino ha avuto inizio nel 2013, quando Cavenez ha registrato il dato annuo di 98878 auto nuove, nel 2014 è sceso a 23707 e nel 2015 è diventato 17585, nel 2016, l’anno peggiore, 3.008 unità, riportano i dati citati dal periodico venezuelano Panorama.

Cevenez ha inoltre ridotto in maniera significativa la produzione di veicoli, passando da 18300 unità nel 2015 ad appena 2849 nel 2016, con un calo annuo del 84,43%.

Si stima una produzione media mensile di 237 veicoli, nel corso dell’anno passato; le aziende che hanno prodotto nel 2016 sono state: Fca Venezuela, Ford Motors, General Motors, Iveco, Mack, Mmc Automotriz e Toyota.

Per rilanciare il mercato, il governo nel 2015 ha accettato, almeno con Ford Motor del Venezuela, di vendere auto nuove a prezzi fissati in dollari, per rilanciare le operazioni di vendita; tuttavia le vendite sono rimaste basse.

A causa della crescente domanda di veicoli importati a prezzo governativi del costruttore Chery, che ha gli impianti in Cina, gli interessati devono registrarsi sul sito di “Venezuela productiva” e attendere di essere contattati dal governo: le liste di attesa sono lunghe.

I modelli Orinoco e Arauca hanno un prezzo medio di 3 milioni e 500 mila bolivar, mentre il mercato nero le rivede fino a 20 milioni di Bolivar.

Alla fine del 2016, la Favenpa, nel corso del 2017 Economic Forum Outlook, avvertì che «la scomparsa del mercato automobilistico è uno dei segnali di politiche economiche non corrette».

Maddalena Ingrao