VENEZUELA. I militari trattano con l’Opposizione mentre altre sanzioni colpiscono Caracas

101

Il Tesoro americano ha introdotto sanzioni contro la banca russo-venezuelana Evrofinance-Mosnarbank in relazione alla situazione in Venezuela, secondo una sua dichiarazione pubblicata l’11 marzo. Secondo quanto riporta la Tass: «Questa azione dimostra che gli Stati Uniti agiranno contro le istituzioni finanziarie straniere che sostengono il regime illegittimo di Maduro e contribuiscono al crollo economico e alla crisi umanitaria che affligge il popolo del Venezuela», ha commentato il segretario del Tesoro Stephen Mnuchin.

Evrofinance-Mosnarbank è la banca mista russo-venezuelana, che opera sulla base di un accordo intergovernativo sull’istituzione della banca russo-venezuelana. Russia e Venezuela hanno negoziato l’istituzione della banca nel 2009. Evrofinance-Mosnarbank è stata fondata a cavallo del 2003 come risultato del consolidamento di Mosnarbank e Jcb Evrofinance. 

Gli azionisti dell’istituto di credito sono il fondo di sviluppo nazionale venezuelano Fonden S.A. (49,99%), Gazprombank e la sua controllata Novintech (25% più una azione), VTB e le sue controllate estere ITC Consultants e VTB Bank (25% più una azione). L’istituto di credito si colloca al 96° posto tra le banche russe in termini di valore dell’attivo.

Nel frattempo, l’agenzia yemenita Saba, riporta che il consigliere della Casa Bianca per la sicurezza nazionale John Bolton ha annunciato in un’intervista televisiva che i soldati venezuelani stanno comunicando con i membri del parlamento su come sostenere l’opposizione: «Ci sono un sacco di contatti in corso tra i membri del parlamento venezuelano e militari in Venezuela su cosa può accadere e come possono muoversi per sostenere l’opposizione», ha detto Bolton in un’intervista trasmessa da Abc.

L’annuncio di Bolton fa seguito ai cortei di Caracas contro il presidente venezuelano Nicolas Maduro e una grande interruzione del energia elettrica che ha fatto precipitare Caracas e la maggior parte delle città del paese nell’oscurità per quattro giorni. I sostenitori di Maduro hanno partecipato a manifestazioni a sostegno del presidente, che ha accusato l’imperialismo Usa di aver causato la crisi del paese.

Maduro ha detto che l’interruzione di corrente è stata causata da un “attacco elettronico” al sistema di monitoraggio elettronico della Stazione Elettrica di Gori, che fornisce al Venezuela l’80% dell’elettricità.

Graziella Giangiulio