VENEZUELA. Gli effetti del crollo annunciato di PDVSA

223

Il settore petrolifero venezuelano continua il suo precipitoso crollo, colpito da sanzioni e cattiva gestione, che hanno ridotto la produzione di greggio al livello più basso dal 2003; diversi mesi di proteste nazionale nella Pdvsa, la compagnia petrolifera di proprietà statale, hanno spazzato via quasi un terzo della produzione.

Le sanzioni statunitensi sul settore energetico venezuelano stanno avendo un effetto paralizzante. La US Energy Administration ha registrato perdite nella produzione venezuelana complessiva di circa 400.000bl/d dall’inizio dell’anno. Ad aprile, secondo la Eia, la produzione media è stata di appena 830.000bl/d, mentre il rapporto mensile del petrolio dell’Opec ha stimato la produzione ancora più bassa, pari a 768.000bl/d.

La produzione ha recuperato leggermente da marzo, quando le interruzioni di corrente elettrica in tutto il paese hanno devastato il settore. S&P Global Platts ha calcolato circa 40.000 bl/d di ritorno alla produzione in aprile, ma molte strutture rimangono danneggiate e si prevedono ulteriori perdite. Le interruzioni di corrente hanno paralizzato le esportazioni al principale terminal petrolifero venezuelano, Jose, mentre la raffineria di Puerto la Cruz ad Anzoategui, già in funzione a malapena, è stata messa fuori servizio, riporta Petroleum Economist. Fino ad ora, la maggior parte delle perdite di produzione ha interessato Maracaibo e il sottobacino di Maturin. Ma i problemi di potenza stanno iniziando a colpire anche i giacimenti petroliferi dell’Orinoco Belt. All’inizio del 2019, l’Orinoco costituiva il 40 % della produzione nazionale totale, secondo il Center for Strategic and International Studies.

Tre potenziatori dell’Orinoco sono offline e sono ora in “ricircolo” per evitare danni, ma non producono greggio. I potenziatori Petropriar, Petromonagas e Petrocedeno sono ancora fuori servizio per mancanza di spazio di stoccaggio. Il potenziatore Petrolera Sinovensa è in parte in funzione ma solo a 105.000bl/d. Anche la Orinoco Belt sta lottando per far fronte alla carenza di diluente, precedentemente importato dagli Stati Uniti, e di petroliere disponibili. L’anno scorso, il Venezuela ha importato quasi 90.000 bl/d di nafta, soprattutto dagli Stati Uniti, per aiutare a miscelare il suo greggio pesante. I problemi di approvvigionamento, così come la scarsità di fondi, stanno avendo un impatto significativo nell’Orinoco.

Il Center for Strategic and International Studies prevede che, se Maduro resta al potere, la produzione scenderà probabilmente sotto i 500.000bl/d già a ottobre 2019; per poi scivolare nei mesi successivi. Anche se l’opposizione prendesse il potere, sarà difficile riportare la produzione nazionale a 1,3 milioni di bl/d a breve termine. I danni alle risorse petrolifere, l’attrazione di investimenti esteri e i cambiamenti nei mercati petroliferi globali degli ultimi anni indicano una ripresa complessa. Nel frattempo, la posizione finanziaria del Venezuela potrebbe presto peggiorare ulteriormente. 

A maggio, l’Assemblea Nazionale ha votato per pagare i 71 milioni di dollari di interessi sul bond Pdvsa 2020, l’unico bond sul quale il paese non è ancora inadempiente, per evitare che i creditori si impadroniscano della sua filiale americana di raffinazione Citgo. I detentori di obbligazioni controllano 50,1 % di azioni della società, mentre il restante 49,9 % serve come garanzia per un prestito di 1,5 miliardi di dollari emesso da Rosneft, che potrebbe far valere la sua sicurezza anche in caso di mancato pagamento da parte del Venezuela.

Citgo è finora sfuggito alle sanzioni, ma ha tempo fino al 27 luglio per porre fine a tutte le importazioni di greggio dal Venezuela. Allo stesso modo, le compagnie petrolifere americane Baker Hughes, Chevron, Halliburton, Schlumberger e Weatherford International hanno tutte una finestra di tre mesi per uscire dal paese.

Graziella Giangiulio