VENEZUELA. Erdogan manda aiuti a Maduro per il COVID-19

131

La scorsa settimanale il 16 luglio, la Turchia ha inviato un aereo di assistenza medica in Venezuela. Ankara invia aiuti per il Covid-19 in molti paesi del mondo, ma la consegna del Venezuela è significativa a causa delle relazioni ostili della nazione sudamericana con gli Stati Uniti e della vicinanza tra Maduro e Erdogan.

La consegna ha cercato di aiutare il Venezuela a combattere la pandemia di coronavirus, riporta Anadolu. La Turchia è attiva nella consegna di aiuti legati al coronavirus in paesi di tutto il mondo.

Gli Stati Uniti sanzionano il governo di Nicolas Maduro e sostengono l’opposizione di Juan Guaido. Da maggio, riporta Al-Monitor, gli Stati Uniti starebbero facendo pressioni sulle compagnie petrolifere statunitensi perché smettano di fare affari con la compagnia petrolifera statale venezuelana che riceve anche carburante dall’Iran. Teheran, alleato di Caracas, anch’esso sanzionato dagli Stati Uniti, ha proseguito varie spedizioni di aiuti in Venezuela nonostante la forte opposizione degli Stati Uniti, sia di carburante che di alimentari e aperti di ricambio per gli impianti petroliferi.

L’economia di Caracas è attualmente paralizzata dalle sanzioni Usa, dalla spirale iperinflazionistica e dalle conseguenze della pandemia da Covid-19 che ha messo ancora più a nudo le debolezze e le ineguaglianze sociali del paese, oltre che a sancire un ennesimo fallimento del governo chavista di Maduro. Nel paese scarseggia tutto: dalle medicine agli alimentari e quello che si trova ha prezzi assai elevati che la stragrande maggioranza dei venezuelani non può permettersi.

La serrata generale e l’imposizione della permanenza a casa per bloccare la diffusione del virus non vengono orami rispettati per una semplice ragione: “se non si esce di casa, non si mangia nulla”. Le diverse forme di assistenza sociale previste dal regime si stanno infatti rivelando del tutto insufficienti se non scarse a fronteggiare la crisi.

Washington non si oppone all’assistenza al Venezuela come quella fornita dalla Turchia. Il Dipartimento di Stato ha detto che in generale le sanzioni statunitensi sul Venezuela esentano medicine, cibo, abbigliamento e simili; ovviamente se le porta Ankara, se le porta Teheran, invece è tutt’altra storia.

Tommaso dal Passo