VENEZUELA. Epurazione dei militari anti Maduro

759

Nicolas Maduro ha espulso dalle Forze Armate o arrestato 13 ufficiali di grado elevato, compresi uomini attualmente in carcere e personale in pensione, secondo un decreto pubblicato nella Gaceta Oficial, la pubblicazione ufficiale dello stato venezuelano.

Riporta Laht che il primo della lista Raul Isaias Baduel, generale dell’esercito che ha salvato il mentore e predecessore di Maduro, Hugo Chavez (entrambi nella foto in apertura), dal fallito colpo di stato nel 2001 e che è già in carcere, per aver chiesto a Maduro di dimettersi nel 2017, andato in pensione quando Chavez era ancora in vita e al potere. Maduro sta accusando Baduel e gli altri 13 ufficiali di crimini contro l’integrità, l’indipendenza e la libertà della nazione, compreso il tradimento alla patria. Fonti militari, citate dal giornale e dell’ong Control Ciudadano, riportano che il totale degli ufficiali arrestati di recente, compresi gli ultimi 13, è di 24 unità.

L’elenco dell’ultimo gruppo comprende anche il capitano Juan Carlos Caguaripano Scott, della Guardia Nazionale, già in carcere, che l’anno scorso ha condotto un attacco contro una caserma dell’esercito in cui sono morti due degli aggressori e sono stati sottratti armamenti; fu catturato settimane dopo e la maggior parte del materiale recuperato. Il capitano della Marina Leamsy Salazar, capo della sicurezza di Chavez e Maduro e Diosdado Cabello. Salazar ha lasciato il Venezuela diversi anni fa e ora vive negli Stati Uniti, a quanto pare collaborando con le autorità di Washington.

Il più alto ufficiale della lista, dopo Baduel, è il generale Hebert Garcia che non si trova più in Venezuela. Ha lasciato il paese l’anno scorso e ha parlato davanti all’Organizzazione degli Stati americani sulla corruzione nel regime, in particolare per quanto riguarda l’acquisto e la distribuzione di prodotti alimentari sovvenzionati nell’ambito del regime Clap.

Anche un altro ex ufficiale della marina militare, Mario Ivan Carratu, ormai da diversi anni in pensione, compare nella lista. Vivendo negli Stati Uniti e assai critico nei confronti dell’amministrazione Maduro, Carratu fece evacuare il presidente Carlos Andres Perez da palazzo Miraflores, durante il fallito colpo di Stato del 1992 guidato da Hugo Chavez. In base ai regolamenti militari venezuelani, la loro pensione e stipendio saranno gravemente colpiti dalla loro espulsione e inoltre, dovranno restituire tutte le medaglie ricevute.

Graziella Giangiulio