VENEZUELA. El Petro non entra in Bitfinex

263

Bitfinex, la più grande borsa Bitcoin del mondo per volume di scambi, ha dichiarato che non aggiornerà la sua lista di cripto valute in offerta per aggiungere la nuova valuta cripto del Venezuela, il Petro. Nel suo post sul blog che spiega la decisione, ripreso da Finance Magnates, Bitfinex ha sottolineato di rispettare l’ordine esecutivo di Donald Trump che vieta ai cittadini statunitensi di effettuare transazioni utilizzando la valuta digitale sostenuta dal petrolio di Caracas.

Bitfinex ha spiegato che non aveva «intenzione di includere il Ptr o simili monete nella piattaforma di trading Bitfinex». Bitfinex ha detto che terrà sempre conto di elementi quali la liquidità e la sicurezza nella valutazione delle possibili inclusioni. Il popolare sito di scambio di criptovalute ha anche impedito ai suoi appaltatori e dipendenti di acquistare, vendere, negoziare e trattare in qualsiasi modo il Petro, con effetto immediato: «Questa restrizione si estende a tutti i clienti della piattaforma, incluse le persone statunitensi, e a tutte le attività su Bitfinex, inclusi i depositi, i finanziamenti, il trading e i prelievi», ha inoltre dichiarato.

Accanto alla dichiarazione di Bitfinex, sta la dichiarazione fatta dal ministero delle Finanze di Mosca secondo cui non ha offerto al Venezuela la possibilità di rimborsare una parte dei suoi debiti verso la Russia utilizzando la valuta criptata del paese, secondo Reuters.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha detto il mese scorso che El Petro aveva raccolto 735 milioni di dollari nel primo giorno della prevendita. Il nuovo strumento finanziario cripto ha lo scopo di tirare fuori il paese dalla spirale economica iperinflazionistica in cui si dibatte.

L’anno scorso Russia e Venezuela hanno firmato un accordo di ristrutturazione del debito che consente a Caracas di effettuare pagamenti “minimi” a Mosca nei prossimi sei anni. In base all’accordo, il Venezuela rimborserà alla Russia un totale di 3,15 miliardi di dollari in un periodo di 10 anni.

Graziella Giangiulio