VENEZUELA. Dopo Pasqua parte il sistema DICOM

135

Nel tentativo di risollevare l’economia venezuelana, il governo, crisi politica durante, sta cercando nuove soluzioni. Nella sessione plenaria del Consiglio nazionale delle attività produttive e dell’economia, tenutosi al Palacio Blanco a Caracas, il vice Presidente venezuelano, Tarek El Aissami, ha riferito cinque decisioni importanti del governo:

  1. La nuova fase del sistema di monete complementari, Dicom, entrerà in funzione dopo le festività di Pasqua a metà aprile. «Il sistema è quasi pronto», ha detto El Aissami, e ha ribadito che le aste si terranno due volte a settimana. Il vicepresidente ha detto che: «Ci sono un sacco di aspettative sul tema della nuova Dicom, la trasparenza con cui opererà, l’accesso a tutti i settori produttivi e agli individui. Forniremo dettagli riguardo a questo provvedimento, il processo di asta avverrà due volte a settimana e sarà gestito dalla Banca Centrale del Venezuela». Egli ha osservato che l’inizio delle aste coi sarà dopo il giorno di riposo per la Pasqua, riporta Union Radio. Su questo tema la rivista 2001 aggiunge altre dichiarazioni del vice presidente venezuelanao: «Daremo alcune caratteristiche del sistema delle aste settimanali condotte da Bsv, con una metodologia verificabile e trasparente e il pubblico potrà esercitare il ruolo di controllore (…) si tratterà di portafogli di crediti mirati (…) che coinvolgono settori produttivi nazionali»

2) Il governo ha stanziato 130 milioni di dollari per l’agroalimentare. Ha poi aggiunto che il 15 aprile prende il via Piano Nazionale Siembra e che con questo investimento, «faremo in modo di centrare l’obiettivo di 500 mila ettari produttivi nel nostro territorio». El Aissami ha aggiunto che l’obiettivo del piano è che il Venezuela divenga autosufficiente nella produzione di mais bianco e giallo e di riso.

3) L’assegnamento di 60 milioni di dollari per l’acquisto di materie prime e di materiale per il settore farmaceutico.

4) inizialmente El Aissami ha indicato che aspirare a raggiungere l’1,5 milioni di Clap al mese con i casalinghi per la pulizia della casa e per l’igiene, nonché 500 mila Clap per il settore materno.

5) Sezioni del Consiglio Nazionale dell’Economia e delle attività produttive verranno distribuite in tutte le regioni, al fine di realizzare partenariati locali. El Aissami ha definito questa manovra una”regionalizzazione” del Consiglio. Occorre che la struttura sia preparata per un programma di incontri e un ordine del giorno per ogni motore della produzione nazionale, riporta El Diario de Caracas.

Graziella Giangiulio