VENEZUELA. Dopo il Petro, convertibile in rubli, arriva il Petro Oro

673

La criptovaluta digitale venezuelana Petro, che è stata lanciata dal governo del Venezuela il mese scorso, sarà negoziata in diverse valute globali, tra cui il rublo russo.

«A partire dal 23 marzo, tutte le persone giuridiche e fisiche saranno in grado di acquistare il petro direttamente (…) entro i prossimi 15 giorni per le valute convertibili: yuan, rubli, lire turche e euro», ha detto il presidente venezuelano Nicolas Maduro. Maduro ha descritto queste valute come le più importanti per «il futuro economico del pianeta», riporta Rt.

Nicolas Maduro ha detto che le aziende statali che stanno esportando merci, come l’energia a partire dal gigante petrolifero del paese, la Pdvsa, possono già commerciare usando il Petro. «Pdvsa e quelle imprese che commerciano in valuta estera sono autorizzate, da ora in poi, a ricevere “el Petro” per le loro esportazioni», ha detto, aggiungendo che saranno in grado di fornire prodotti attraverso la valuta criptata venezuelana «a tutti i paesi e le imprese del mondo».

Il presidente venezuelano ha, inoltre, annunciato quattro “zone economiche esclusive” nel paese, in cui sarà possibile utilizzare il Petro «per la vendita di beni e servizi».

Il petro venezuelano, che è andato in prevendita il 20 febbraio, è la prima valuta crittografica sostenuta dallo Stato al mondo. Il suo valore è legato alle riserve di petrolio del paese.

La moneta virtuale ha lo scopo di bypassare il blocco finanziario statunitense. A gennaio 2018, le autorità statunitensi hanno avvertito i potenziali investitori in valuta criptata venezuelana sui rischi connessi collegati alle sanzioni imposte a Caracas. La scorsa settimana, il Presidente Donald Trump ha vietato l’uso del Petro, definendolo una «truffa a sostegno della dittatura».

Dopo che la valuta crittografica sostenuta da petrolio è riuscita a raccogliere 735 milioni di dollari alla prevendita, Maduro ha annunciato un altro gettone virtuale. La nuova moneta crittografica, denominata “Petro oro”, sarà sostenuta daI metalli preziosi prodotti dal paese.

Graziella Giangiulio