VENEZUELA. Dentro PDVSA si sono scatenati i demoni e tutto affonda

249

L’ex ministro del Petrolio del Venezuela ha dichiarato che la produzione di greggio nella nazione OPEC continuerà a crollare a seguito della rielezione del Presidente Nicolas Maduro.

Rafael Ramirez ha detto che «I demoni sono stati scatenati», riferendosi alla rielezione di Maduro; Ramirez, ambasciatore presso l’Onu, l’anno scorso, è andato in esilio dopo aver rotto con il presidente venezuelano; ha aggiunto, ripreso da Ap, che «Maduro continua a insistere sulla stessa retorica, senza assumersi alcuna responsabilità per le proprie azioni”. Ramirez, che ha guidato l’industria petrolifera per un decennio fino al 2014, ha detto che è iniziata una purga l’anno scorso che ha portato all’arresto di più di 80 dirigenti Pdvsa, compreso il suo presidente, così come l’arresto di due manager Chevron, paralizzando così la produzione di petrolio.

Da quando Ramirez è stato rimosso dal suo doppio incarico di ministro dell’Energia e capo del Pdvsa nel 2014, la produzione è crollata di quasi il 40 per cento, a 1,4 milioni di barili di petrolio al giorno, il livello più basso degli ultimi settant’anni e per lui la produzione potrebbe presto scendere a 900.000 barili al giorno, la maggior parte dei quali è già venduto con perdite enormi sul mercato interno o utilizzato per pagare i debiti verso la Cina e la Russia.

«C’è un clima di terrore nell’industria petrolifera e tutti hanno paura di prendere decisioni”, ha detto l’ex ambasciatore. Ramirez, uomo vicino a Chavez, stava sostenendo un corso più pragmatico che comprendeva l’unificazione dei tassi di cambio a più livelli del Venezuela, e così è entrato in conflitto con Maduro; «Mi fa male perché per perseguire la corruzione, Maduro ha distrutto il settore in modo da poter prendere il controllo del Pdvsa», ha detto. Per lui, nessuna delle persone in Pdvsa oggi ha esperienza nel settore petrolifero, e questo fatto, unito alla partenza di migliaia di ingegneri, ha portato la società sull’orlo del collasso. 

Nel frattempo Nicolas Maduro, riporta El Diario de Caracas, ha detto che vuole una direzione “socialista” per la Petroleos de Venezuela, mentre ha detto di aver portato davanti “alla giustizia” gli ultimi due presidenti della società, colpevoli del calo della produzione. «Voglio una Pdvsa con un’etica socialista, sovrana, produttiva», ha detto il presidente prima del giuramento come presidente rieletto. «Quest’anno dobbiamo aumentare di milioni di barili (…), il Venezuela deve raccogliere molto di più di quel milione, molto di più» ha detto, aggiungendo che, se necessario, avrebbe chiesto aiuto a Russia e Cina.

Graziella Giangiulio