VENEZUELA. Caracas sarà il nuovo satellite di Mosca

514

Il Venezuela potrebbe diventare a breve il prossimo stato satellite di Mosca. 

Da che aveva il quarto più alto Pil pro capite del mondo nel 1950, nel 2016 l’82 per cento dei venezuelani erano sotto la soglia di povertà.

Il 93 per cento dei venezuelani ha detto di non avere abbastanza soldi per nutrirsi adeguatamente e la salute pubblica è oramai un miraggio, riporta The Hill.

L’aumento dei prezzi ha raggiunto livelli iperinflazionati, i peggiori del mondo; dal 1999, la quantità di moneta venezuelana necessaria per acquistare un dollaro statunitense sul mercato nero è salito di oltre 10.000.000 per cento. 

La responsabilità politica ricade sul regime bolivariano che guida da tempo il paese. Invece di investire nella diversificazione dell’economia e nel rafforzamento delle infrastrutture petrolifere del paese, i miliardi presi a prestito finivano nei mille rivoli della corruzione: il paese è disseminato di progetti pubblici incompiuti da miliardi di dollari. Nel frattempo, le politiche socialiste hanno sistematicamente devastato il settore privato con espropriazioni, confische e controlli dei prezzi che hanno trasformato le imprese e le aziende agricole in imprese statali in via di fallimento.

Nel 2003, Chavez ha licenziato 18.000 dipendenti di Pdvsa, la compagnia petrolifera nazionale venezuelana, e, nel 2007, ha cacciato gli esperti internazionali di petrolio. Oggi, Pdvsa produce solo circa il 60 per cento del petrolio olio prodotto prima di Chavez.

In queste circostanze, quando i prezzi del petrolio hanno iniziato a calare nell’ultima metà del 2014, il conto alla rovescia del fallimento del paese è iniziato e ora è quasi a zero. Secondo le stime, il petrolio dovrebbe arrivare a oltre 200 dollari al barile per consentire al paese di avere il pareggio di bilancio.

A soccorrere Caracas, ora è arrivata la Russia. Chavez aveva sviluppato forti relazioni con il Cremlino, mentre le relazioni con gli Stati Uniti sono diventate sempre più complicate. Chavez si rivolse alla Russia per gli investimenti nel settore energetico e minerario del paese e come fornitore di armi: il Venezuela divenne un importante acquirente di armi russe. I due paesi hanno persino accettato di costruire una centrale nucleare, uno dei tanti progetti pubblici in Venezuela che non si sono mai concretizzati nel caos economico dilagante.

La Russia ha prestato miliardi al Venezuela per mantenere il regime a galla, soprattutto attraverso prestiti a Pdvsa. Invece di rimborsare in contanti, il Venezuela ha pagato in petrolio: Rosneft rivende 225.000 barili al giorno di petrolio venezuelano, circa il 13 per cento delle esportazioni totali del paese. La Russia ha anche ottenuto garanzie collaterali di compromesso per garantire tali prestiti. Il governo venezuelano ha concesso privilegi a Rosneft su Citgo, la grande compagnia petrolifera statunitense che possiede, e sui giacimenti petroliferi venezuelani. Inoltre, i legami con la Russia sono ideologici.

Secondo quanto riporta The Hill, i servizi segreti russi sarebbero pronti ad aiutare Maduro nel caso in cui il regime fosse minacciato. Il Venezuela, infatti, dispone delle più grandi riserve di petrolio accertate al mondo e delle otto più grandi riserve di gas naturale. Ha un grande esercito ed è strategicamente posizionato sull’estremità settentrionale del Sud America. Il Venezuela ha mancato i pagamenti recenti ai creditori internazionali, iniziando un domino di inadempienze che renderanno Caracas sempre più dipendente da Mosca, che recentemente ha ristrutturato il debito, facendone un satellite ad un passo da Washington.

Graziella Giangiulio