VENEZUELA. Caracas paga stipendi e pensioni: 1 dollaro al mese

308

Lo scorso 30 agosto per la prima volta, milioni di venezuelani hanno ricevuto un dollaro come pagamento per i loro salari o pensioni semestrali, visto che la crisi ha abbassato il salario minimo mensile a due dollari e che la maggior parte dei cittadini vive in miseria.

Con il valore del dollaro USA di circa 20.000 bolivar, il salario minimo di 40.000 bolivar fissato dal governo che equivale 2  dollari al mese, non sufficiente per comprare un chilogrammo di carne o un cartone di uova.

Tra pensionati e lavoratori dipendenti ci sono quasi 10 milioni di persone che sono state pagate l’equivalente di 1 dollaro, secondo i dati del Banco Central, Bcv, perché sul mercato parallelo, che governa tutta l’attività economica, la valuta locale è ancora più svalutata.

Essendo ottimista e con un po’ di fortuna, tutti i venezuelani che guadagnano tale importo mensile possono comprare una confezione di farina di mais e un chilo (2 libbre) di zucchero. Una volta che questi prodotti sono esauriti in due o tre giorni, dovranno aspettare il prossimo giorno di paga per rifornire i loro frigoriferi.

Negli ultimi 30 giorni, il bolivar è stato svalutato del 50% rispetto al dollaro, che ora costa il doppio rispetto a fine luglio, il tutto in un’iperinflazione che aumenta i prezzi di beni e servizi più volte al giorno.

Tuttavia, il governo deposita i bonus quasi mensilmente a circa 10 milioni di venezuelani per motivi diversi, ma mai più di 100000 bolivar, cioè 5 dollari. Nel frattempo, alcune aziende pagano i bonus ai propri dipendenti in dollari per non mollare, mentre più di un milione di famiglie ricevono rimesse dai circa cinque milioni di venezuelani che sono fuggiti dal paese negli ultimi sei anni per sfuggire alla crisi.

Ma nulla di tutto questo sembra fare molto per risolvere il crollo del potere d’acquisto nel paese con le più grandi riserve petrolifere del mondo, dove circa l’80% della popolazione mangia meno di cinque anni fa, e i meno fortunati, nelle loro centinaia di migliaia di persone, mangiano poco una volta al giorno.

Maddalena Ingroia