VENEZUELA. Caracas invade la Colombia?

253

Circa 60 soldati venezuelani hanno attraversato il confine con la Colombia, dove si sono accampati  e hanno innalzato la loro bandiera. Lo ha denunciato il segretario del comune di Arauquita, Nélson Pérez, riporta El Diario de Caracas.

Perez, che era sulla scena, ha confermato al quotidiano El Tiempo che l’incidente si è verificato nel comune di Arauquita, nel dipartimento di Arauca est, al confine con lo stato venezuelano di Apure, mentre il governo colombiano ha detto che sta indagando su quello che è successo.

«Più di 60 soldati da mercoledì hanno montato le tende e già hanno issato la bandiera del Venezuela nel territorio colombiano», ha detto il funzionario locale al giornale.

Il ministero della Difesa colombiano o ha inviato truppe alla scena per verificare il fatto e ha segnalato la situazione al ministero degli Esteri colombiano, che ha già contattato le autorità venezuelane.

I militari venezuelani sono accampati sulle sponde dell’Arauca in Colombia nel luogo conosciuto come Bocas de Juju, dice il giornale.

Il funzionario del governo locale colombiano ha aggiunto che il ministro della Difesa della Colombia, Luis Carlos Villegas,  ha contattato il suo omologo venezuelano Vladimir Padrino López, e così ha fatto il ministro degli Esteri María Ángela Holguín, con il suo omologo venezuelano, Delcy Rodríguez, «per chiarire cosa sia successo prima».

D’altra parte, un residente locale, riporta il giornale venezuelano, ha detto a La Voz del Cinaruco, e a Caracol Radio che circa 100 soldati con uniformi militari sono arrivati da il 19 marzo nel villaggio colombiano di La Victoria dove si sono appropriati della terra, hanno distrutto i raccolti e rubato pollame.

«La situazione che abbiamo mostrato è che il governo venezuelano ha invaso alcune isole della Colombia dove ci sono piantagioni di banane e vi stazionano, i proprietari di queste colture dicono che sono circa 100 uomini che vanno lì non consentono il dialogo con il popolazione, che vuole solo le forze di sicurezza colombiane», prosegue il giornale.

Graziella Giangiulio